Archivi dei Tag: ciemme

Osservatorio: Grillo non è più l’intoccabile

Conte dice di Grillo: «Beppe ha fatto la sua scelta, essere il padre padrone della sua creatura». Il fondatore del M5S si giustifica: «Non sono un padre padrone, ma un papà con il cuore in mano». Per la prima volta Grillo è costretto a difendersi e non ad attaccare come al solito. L’Elevato, come si definiva fino a poco tempo …

Sapere di più »

Per l’Italia decisivi i prossimi cinque anni. Con o senza Draghi?

Non sappiamo se a Mario Draghi sia stata fatta la promessa di fare il presidente del Consiglio, sopportando le acrobazie di Salvini, le impuntature dei Cinque stelle, i mezzi sorrisi del Pd, per poter poi più tranquillamente trasferirsi al Quirinale nei primi mesi del prossimo anno. Speriamo non sia così. Mario Draghi e il suo governo di unità nazionale sono …

Sapere di più »

Addio a Luigi Covatta, intellettuale socialista riformista

Se ne è andato all’improvviso, non ancora settantottenne e sulla breccia fino a poche ore dalla morte, Luigi Covatta, particolarissimo esemplare di una specie politica e intellettuale ormai quasi scomparsa in Italia. Nella riunione del comitato centrale socialista del Luglio 1976 che diede inizio a un profondo rinnovamento del PSI Covatta fu dalla parte di Bettino Craxi, come tutti i …

Sapere di più »

Osservatorio/ Zingaretti sbatte la porta e se ne va. E ora?

Zingaretti sbatte la porta e se ne va. Con un colpo di teatro improvviso il segretario del Pd annuncia su Facebook (e non in una sede di partito) le sue dimissioni lanciando un atto d’accusa senza precedenti contro il suo partito. Questo dovrebbe far riflettere sulla natura di questo partito che non solo brucia tutti i suoi leader, da Veltroni …

Sapere di più »

Buon lavoro al governo da ‘Cencelli rivisitato’ del premier Draghi

Finalmente abbiamo un governo a nostro avviso serio e credibile. Mario Draghi ha dato fiducia ai partiti della sua maggioranza inserendo quindici ministri politici (tre Pd, tre Forza Italia, tre Lega, quattro Cinque Stelle, uno Leu e uno Italia Viva), cosa che al momento del suo incarico non era per nulla scontata, ma dato che i provvedimenti del futuro governo …

Sapere di più »

Osservatorio: Il ‘Metodo Draghi’

Un metodo di lavoro nuovo, silenzioso e solitario, niente social, zero veline, due parole in pubblico (“Buonasera, buonasera”) strappate sotto la sua abitazione romana, un discorso di un minuto e 37 secondi fatto dal podio del Quirinale. Questa è la caratteristica del nuovo presidente del consiglio Mario Draghi e, con assoluta probabilità, diventerà anche la caratteristica dell’esecutivo dal giuramento in …

Sapere di più »

Osservatorio. Recovery Plan: cos’è e cosa prevede

Dopo aver parlato nell’articolo del 21 dicembre scorso di Recovery Fund (leggi l’articolo), oggi ci soffermeremo sul Recovery Plan, il documento più importante per il rilancio dell’Italia dalla crisi pandemica. Lo scopo è stabilire priorità e distribuzione delle ingenti risorse europee. Nello specifico, si tratta di dare vita al cosiddetto Piano nazionale di ripresa e resilienza, ovvero il programma di investimenti che l’Italia …

Sapere di più »

Osservatorio: cos’è il Recovery Fund?

Il Recovery Fund, o Next generation EU come lo ha battezzato la Commissione europea, è un nuovo strumento europeo per la ripresa post COVID approvato, dopo quattro giorni di negoziato, dal Consiglio europeo straordinario del 21 luglio scorso. I Capi di Stato e di governo europei hanno previsto di incrementare il bilancio su base temporanea tramite nuovi finanziamenti raccolti sui …

Sapere di più »

Osservatorio. A proposito della fantomatica riforma del fisco

“Grande è la confusione sotto il cielo” diceva Mao Zedong e aggiungeva “quindi la situazione è eccellente”. Nel nostro caso la confusione nei provvedimenti e nelle informazioni che ci vengono date fanno pensare alla prima parte non certo alla seconda della frase attribuita al cosiddetto “grande timoniere”. Tutte le sere nei telegiornali e nei talk show siamo bombardati da una …

Sapere di più »

Osservatorio: Gialli, rossi o arancioni?

Siamo perfettamente d’accordo con tutte le misure adatte a contenere il virus come accade in tutti gli altri Paesi ma, alla luce dei continui Dpcm del governo, pensiamo sia lecito porsi alcuni interrogativi. E’ proprio necessario esautorare il Parlamento, cosa che accade solo in Italia? Non si poteva ricorrere a decreti legge, che sono immediatamente esecutivi, ma per essere definitivamente …

Sapere di più »