Europee, PD e FdI commentano i risultati sestesi

Elly Schlein

A urne chiuse iniziano ad arrivare i primi commenti degli esponenti dei partiti sestesi. A cominciare dai primi due partiti: PD e FDI (leggi l’articolo).
“Il Partito Democratico registra a Sesto un significativo riscontro elettorale con il 30,52% di voti – si legge nella nota diffusa dalla Segreteria DEM cittadina -, superando di quasi 10 punti percentuali Fratelli d’Italia e di quasi 20 punti la Lega Nord di Matteo Salvini. La nostra capolista Cecilia Strada ha conquistato 2.688 preferenze segnando un netto distacco con la concorrente Silvia Sardone, che ha conquistato solo la metà delle preferenze (1643). Un risultato che è una doccia fredda per il Sindaco di Sesto, che questa mattina si è svegliato con la consapevolezza di non aver più la maggioranza in città e che a poco è valso il suo aiuto anche sui mezzi istituzionali alla sua ex-compagna. Il PD Sesto San Giovanni – continuano i Dem – ringrazia elettori ed elettrici che hanno dimostrato la loro fiducia, votando il nostro partito e dando la preferenza ai nostri candidati.  Lavorando con costanza e caparbietà stiamo riuscendo a cambiare poco per volta questa politica. Continuiamo così!”.

Giorgia Meloni

Michele Russo, portavoce cittadino di FDI – Circolo 9 Novembre 1989 Sesto, commenta invece con una nota ufficiale il risultato del partito della Meloni: “Ormai il consenso locale di Fratelli d’Italia è attestato stabilmente al 21%, lo testimonia anche il risultato delle elezioni Europee dell’8-9 Giugno. Siamo ormai stabilmente il primo partito del centrodestra a Sesto – aggiunge -, sin dalle Politiche del 2022 che elessero a Roma i due deputati di collegio Rauti ed Osnato e successivamente alle Regionali dello scorso anno. Ringraziamo i 6205 sestesi che anche  ieri ci hanno dato la loro fiducia ed andiamo avanti per migliorare sempre di più la nostra città”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio / Regioni e indagini giudiziarie

Le disavventure giudiziarie che hanno colpito in successione la Puglia, il Piemonte, la Sicilia e …

Lascia un commento