Regolamento tutela animali, Anna Varisco spiega i motivi della mancata approvazione

Si è svolta domenica 5 maggio a Palazzolo la Festa di Primavera dell’Asilo del cane. Presente anche l’assessore uscente Anna Varisco. Durante la giornata la candidata sindaca della coalizione di centrosinistra di Paderno Dugnano ha avuto modo di affrontare numerose tematiche che riguardano gli animali.  A cominciare dai motivi alla base della mancata approvazione del Regolamento per il benessere e la tutela degli animali. “Ho spiegato perché non siamo riusciti ad approvare il “Regolamento per il benessere e la tutela degli animali” prima della scadenza del mandato amministrativo – sottolinea Varisco -. Qualche settimana fa il testo era pronto, ma la Presidente del Consiglio Comunale durante la Capigruppo ha deciso di non iscriverlo all’ordine del giorno dell’ultima seduta, dicendo che c’era stato poco tempo per esaminarlo.
Oggi, alla luce della sua decisione di passare al centrodestra, è tutto chiaro: l’opposizione proponeva il rinvio e lei ha decretato lo stop, impedendoci di dare alla nostra città un Regolamento importante!
Stamattina (domenica 5 maggio, ndr), abbiamo parlato anche del futuro dell’Asilo del cane.
La struttura accoglie oggi circa 150 cani, oltre ai gatti, e necessita di trovare una sua collocazione adeguata. Visto il numero degli ospiti – aggiunge Varisco -, abbiamo ragionato sull’ipotesi di ridefinire il perimetro dell’area, escludendo la fascia di rispetto cimiteriale. Nei prossimi giorni mi confronterò con i tenici comunali.
Regolarizzare l’Asilo del cane significa, per il Comune, poter stipulare una convenzione per collocare gli animali abbandonati sul nostro territorio, sviluppare azioni di prevenzione/contrasto al randagismo, campagne per l’adozione, formazione e tanto altro…  Sul tema animali la destra si sta muovendo in modo preoccupante.
È notizia di oggi: è pronta la bozza del decreto-legge voluto dal Ministro Lollobrigida (FDI) in cui si accoglie la richiesta dei cacciatori (art. 10 del decreto) di limitare l’attività dei carabinieri forestali, facendoli passare sotto il controllo del Ministero dell’Agricoltura, si inserisce una norma per colpire gli animalisti e contro la diffusione della peste suina africana si continua con la strategia fallimentare degli abbattimenti indiscriminati, introducendo l’Esercito con funzione di pubblica sicurezza…
Noi ragioniamo in modo diverso. Se sarò eletta Sindaca – chiosa la candidata del centrosinsitra -, l’adozione del Regolamento per la tutela e il benessere animale, sarà uno dei primi atti che approveremo.”

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Lambro, in corso svuotamento aree di laminazione

È in corso il graduale svuotamento delle aree di laminazione che agiscono sul fiume Lambro …

Lascia un commento