Gold Geas Ginnastica promossa in serie B. Intervista alla presidente Crippa 

La presidente Cinzia Crippa (foto tratta dal sito geasginnastica.it)

Domenica 14 aprile a Padova l’emozionante vittoria nell’ultima prova di campionato federale di serie C con la quale le atlete Gold della squadra femminile di ginnastica artistica Geas hanno guadagnato la storica promozione in B.
Christal Mahor (2006), Giulia Agnelli (2009),  Alessia Cepparulo (anno 2010), Sara Siggillino (2010),  Sofia Frenna (2011) e Greta Pianella (2005, in prestito dalla Nardi Juventus): questo il ‘dream-team’ Geas.  
A dieci giorni da questo prestigioso traguardo, abbiamo intervistato la Presidente del Geas Cinzia Crippa.
Presidente Crippa, torniamo per un momento a quel 14 aprile: cosa ha detto alle ragazze appena scese dal podio?
“Più che dire qualcosa le ho abbracciate e ringraziate. Avevo anche la lacrima pronta a scappare … E’ stata un’emozione fortissima. Solo chi conosce la ginnastica sa quanto lavoro c’è dietro questo risultato. E poi ovviamente ho fatto loro i complimenti”.
Il punto di forza del Geas Ginnastica sono anche le allenatrici
“Sì, Enus e Marta hanno fatto la differenza; al di la delle loro competenze tecniche, sono due ragazze molto appassionate e motivate nel loro lavoro. Ambedue vengono da esperienze di altissimo livello:         Enus Mariani è stata campionessa europea, Marta Oberti ha allenato a Salerno per quattro anni, tutte e due hanno avuto rispettivamente un allenatore e una guida tecnica di altissimo livello il Prof. Massimo Gallina che ha indirizzato la nostra Associazione verso la ginnastica Gold”.
La Geas Ginnastica può contare dal 2018 su una struttura dedicata, la Geas Gym Academy. Ma quali sono le difficoltà, per un’associazione che muove ogni anno oltre 300 atleti, in un contesto caratterizzato da una cronica mancanza di impianti adeguati?
“Una precisazione: da un paio d’anni muoviamo circa 500 atleti se consideriamo tutti i nostri iscritti nei tre settori della ginnastica: artistica maschile e femminile e ginnastica ritmica. L’attività pura- mente agonistica (settori Silver e Gold della Federazione Ginnastica d’Italia) conta quasi 200 partecipanti. Per il settore artistica la tensostruttura al Manin permette di ospitare i settori Silver e Gold, anche se abbiamo comunque problemi di sovraffollamento perché il grosso dell’attività si concentra ovviamente dalle 17 alle 20. Per la ritmica i problemi di palestre sono evidenti, le ginna- ste devono migrare su tre diversi impianti nel corso della settimana e siamo sempre alla ricerca di luoghi adeguati a questo sport. I corsi sono ospitati in palestre scolastiche e scontano le difficoltà del dover montare e smontare giornalmente le attrezzature richieste da queste discipline…”
In Geas le atlete e gli atleti trovano un supporto importante anche a livello extra-sportivo. Mi riferisco al progetto GeaSchool partito a settembre 2021…
“Sì, per poter permettere alle ginnaste di raggiungere i livelli attuali, abbiamo stabilito accordi con scuole che permettano loro di preparasi senza una frequenza continua; hanno a disposizione due fisioterapisti che le trattano settimanalmente e una nutrizionista che le segue dal punto di vista dell’alimentazione. Ovviamente tutto questo rappresenta un costo non indifferente per le famiglie, siamo infatti sempre alla ricerca di sponsor che ci possano aiutare a migliorare l’offerta agli atleti”.
Prossimi appuntamenti agonistici e non?
“A brevissimo abbiamo in programma la “finalina” delle due gare che abbiamo organizzato per tutti gli iscritti ai corsi, poi il saggio finale. A fine giugno tutti i partecipanti alle gare Silver avranno la loro finale alla ‘Ginnastica in festa’ a Rimini. E poi, a seguire, organizzeremo il camp di ginnastica al Manin e gli stage estivi al mare per i vari settori. Insomma… fermi proprio non ci stiamo mail!”

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Al Palasport di Carugate inaugurato il progetto sociale europeo Advan +Age

Alzate, muri, schiacciate, bagher e palleggi… un allenamento senza un attimo di respiro, ma con …

Lascia un commento