Inaugurata la XVII edizione de ‘Le Vie del Presepe’

Un momento dell’inaugurazione

Grande partecipazione domenica 3 dicembre all’inaugurazione della XVII edizione de ‘Le Vie del Presepe’, dal titolo ‘Presepe segno vivo di pace’. L’inaugurazione, come da tradizione, si è tenuta nel più antico edificio storico della città, la Chiesa di Santa Maria Assunta edificata nel 1619. Ad illustrarne la storia  l’arch. Pier Giorgio Meregalli.
Il saluto affettuoso e grato di don Luciano Angaroni, nuovo prevosto della Basilica di Santo Stefano e decano delle Città, e del presidente di Sesto Proloco Savino Bonfanti ha aperto l’inaugurazione dell’evento tra i più amati dai sestesi.
Nell’anno 2023 ricorrono 800 anni dall’invenzione del Presepe. San Francesco e il Presepe, San Francesco e la Pace, sono i temi al centro del coinvolgente intervento di don Andrea Gariboldi.
A impreziosire l’evento culturale il contributo artistico degli allievi ed ex allievi dell’Istituto di Musica Antica del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. “Hanno magnificamente suonato e cantato melodie barocche con l’ausilio di strumenti antichi quali il clavicembalo, la tiorba e flauti traversi, che hanno incantato gli spettatori – racconta la presidente del Comitato per il Presepe di Sesto Angela Tittaferrante -. La direzione artistica del prof. Giovanni Battista Columbro ha proposto una interessante scelta di brani attinenti il Natale, suadenti melodie coadiuvate da momenti strumentali di grande fascino armonico. La passione e la dedizione dei volontari dell’Associazione nel promuovere Il Presepe e i valori profondi di pace e fratellanza – sottolinea Tittaferrante – vogliono essere una proposta di pace per la comunità, in un contesto geopolitico caratterizzato da conflitti, che accentuano e radicalizzano le diversità. Ci piacerebbe che il nostro operare, assolutamente al di sopra ed al di fuori delle ideologie e degli orientamenti personali, portasse un qualche piccolo contributo in tal senso”.
La cerimonia è terminata con l’apertura della mostra in diorama allestita da alcuni presepisti del Comitato (Livio Magni, Michele Moggio e Lucio Anelli)  e curata dall’arch. Meregalli.
I diorami, inseriti in perfetta sintonia con l’architettura della Chiesa, provengono dall’Associazione Italiana Amici del Presepe di Cinisello Balsamo.  La mostra resterà aperta fino al 8 gennaio 2023.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Dal Cuore alle Mani Dolce&Gabbana, dieci stanze delle meraviglie nella mostra a Palazzo Reale

Il buio si spalanca e la luce di decine di specchi e mirabili lampadari illuminano …

Lascia un commento