Rimozione panchine piazza Trento e Trieste, flashmob sotto il Comune

Foto da facebook

Continua a far discutere la decisione dell’Amministrazione comunale di Sesto San Giovanni di rimuovere le panchine in Piazza Trento e Trieste (leggi l’articolo). La decisione, come spiegato con un post su Facebook dall’assessore all’Urbanistica Antonio Lamiranda, è stata presa per “dare una risposta rapida ed efficace alla petizione promossa da circa trecento cittadini che richiedeva  interventi urgenti per contrastare il degrado notturno derivato dai bivacchi sulle panchine e dagli schiamazzi”.
La decisione tuttavia continua a far discutere e un gruppo di cittadini riunitisi nel Comitato Riprendiamoci la Piazzetta (a cui è anche collegata l’omonima  pagina Facebook) ha organizzato per martedì 26 settembre un flashmob sotto il palazzo comunale in piazza della Resistenza.
“Si tratta di una iniziativa spontanea che una nutrita schiera di liberi cittadini che vivono quotidianamente Piazza Trento e Trieste sta mettendo in atto nell’obiettivo di sollecitare urgentemente l’attenzione dell’Amministrazione Comunale verso una situazione di degrado, in continuo e preoccupante peggioramento, che interessa ormai da mesi la Piazzetta e le vie limitrofe – sottolineano dal Comitato Riprendiamoci la Piazzetta  -. L’obiettivo è di poter restituire la Piazzetta alle famiglie e ai cittadini che, loro malgrado, sono oggi costretti ad assistere impotenti a una dilagante delinquenza che, specialmente nelle ore notturne, si traduce in continui episodi di violenza e degrado, che impediscono ai cittadini onesti di poter vivere serenamente il proprio quartiere e la propria città. I riscontri ad oggi pervenuti dell’Amministrazione, risultano però preoccupantemente inadeguati a rispondere efficacemente ad una condizione che va sempre più a configurarsi come emergenza d’ordine pubblico. La recente valutazione dell’Amministrazione, che ha voluto “rattoppare” la situazione rimuovendo le panchine dalla Piazza, non solo non ha contribuito al miglioramento della sicurezza in Piazza, che è ancora e quasi quotidianamente oggetto di risse e delinquenza, ma ha persino privato i cittadini onesti di un essenziale luogo di socializzazione”.
Nasce così l’idea di una protesta pacifica sotto forma di flashmob. “Perché Piazza Trento e Trieste venga rapidamente restituita alla città – concludono dal Comitato – intendiamo promuovere martedì 26 settembre alle 19.00 un sit-in di fronte ai locali del Comune, con l’obiettivo di rappresentare con forza al Consiglio Comunale che la cittadinanza non intende accontentarsi di semplici cerotti ma pretende risposte concrete e soluzioni efficaci”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Giovedì 18 aprile si inaugura l’Albero della legalità

Duplice evento sul tema della legalità con il circolo locale Legambiente Chico Mendes Sesto San …

Lascia un commento