Restrizioni Area B e C, Di Stefano: schiaffo in faccia ai cittadini del territorio milanese

“Palazzo Marino ha trovato l’ennesimo modo di fare cassa con i soldi dei cittadini milanesi e dell’hinterland. La stretta di Area B e l’aumento del costo di Area C, sono l’ennesimo schiaffo in faccia ai lavoratori che quotidianamente sono obbligati a recarsi nel capoluogo lombardo”, afferma il Sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano. “Infatti – aggiunge -, i possessori di un’auto a gasolio Euro 4 e 5 o a benzina Euro 2 vedranno ridursi dal 1° ottobre gli ingressi: da 50 giornate all’anno si passerà a 25 per i residenti e a sole 5 per i non residenti colpendo in maniera durissima la possibilità di acceso a Milano degli automobilisti per motivi lavorativi, sanitari, scolastici. Queste restrizioni, fatte con la debole giustificazione di dare una vaga impronta ambientalista all’indirizzo politico, ma nella realtà utili solo a tentare di far quadrare un bilancio in disordine, penalizzano ancora una volta anche la città metropolitana, di cui Sala spesso dimentica di essere Sindaco. È semplice fare gli ambientalisti scaricando smog, inquinamento e automobili sulle altre città. Questo – aggiunge il sindaco sestese – non può essere il piano ecologico, perché se vieti l’accesso dentro la città, allora devi favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici con prezzi scontati e con un aumento delle corse disponibili. Cosa che invece non avviene, con tariffe ATM aumentate vertiginosamente, con il ticket che ha visto un aumento del 120% ed un totale disinteresse verso il prolungamento della M1, fermo da 15 anni, il cui destino è abbandonato al più totale menefreghismo della giunta milanese. Non è corretto amministrare un territorio importante come quello di Milano tramite azioni unilaterali, ma da quanto dimostrato in questi anni, del destino dell’area metropolitana a Sala non interessa” conclude il sindaco Di Stefano.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Fotovoltaico Lombardia, approvata mozione limitazione in aree tutelate

Via libera alla mozione del consigliere regionale della Lega Riccardo Pase relativa alle limitazioni per …

Lascia un commento