Talk e musica con i Coma Cose per il 25° compleanno dell’Università di Milano-Bicocca nell’aula magna dell’Ateneo

Università Milano-Bicocca, oltre 2mila presenze alla festa per i 25 anni

Il logo e il motto dell’Ateneo illuminano gli edifici U6 e U7

Oltre 2mila presenze alla festa per i Venticinque anni dell’Università di Milano-Bicocca e agli appuntamenti musicali del Bicocca Music Festival, promosso per il secondo anno consecutivo dall’Ateneo.
Dai Coma Cose a Raphael Gualazzi, dall’Orchestra sinfonica dell’Ateneo alla street music, gli eventi delle due manifestazioni hanno attirato non solo la comunità accademica, ma anche cittadini e turisti.
Ad aprire le danze era stata la Festa dei 25 anni dell’Università di Milano-Bicocca, lunedì 12 giugno: l’incontro con il duo indie-pop dei Coma_cose in Aula magna, lo show di break dance della campionessa italiana, Alessandra Chillemi, e dei ballerini della B-Students Academy in piazza dell’Ateneo Nuovo e l’intervento della rettrice Giovanna Iannantuoni, seguito dal taglio della torta e dal brindisi al compleanno speciale.
Martedì 13 giugno aveva preso il via la seconda edizione del Bicocca Music Festival, la manifestazione dedicata alla musica promossa dall’Ateneo, inaugurata dal dialogo con il pubblico del cantautore e pianista Raphael Gualazzi, in Auditorium, e proseguita con esibizioni di street music e il concerto dell’Orchestra sinfonica dell’Università di Milano-Bicocca, diretta da Yakov Zats, e del violoncellista Denis Shapovalov.
A chiudere la settimana di eventi, ieri pomeriggio, sono stati il “Bicocca Green Game”, caccia al tesoro sulla sostenibilità al Vivaio Bicocca, e il concerto in piazza dell’Ateneo Nuovo, organizzato in collaborazione con il Consiglio degli studenti: solisti e gruppi musicali, composti da studenti, docenti e personale di Milano-Bicocca, si sono alternati sul palco en plein air, in un viaggio musicale che ha spaziato dal pop al reggae, dall’elettronica al rock, dalla new wave all’hip hop.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Al via la nuova mostra Campari: l’arte dell’industria

Può esistere una stretta connessione tra arte e produzione industriale? E in quale modo si …

Lascia un commento