Anpi e Aned denunciano atto di vandalismo al monumento al deportato

Vile atto vandalico contro il Monumento al Deportato del Parco Nord. L’opera, progettata da Lodovico e Alberico Belgiojoso dello studio BBPR, voluta dal Comune di Sesto San Giovanni e donata al Parco, è dedicata ai “cittadini di Bresso, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Milano, Monza, Muggiò, Sesto San Giovanni e degli altri comuni del circondario arrestati dai nazifascisti nell’area industriale di Sesto San Giovanni durante la Resistenza e deportati nei campi di sterminio nazisti. “Apprendiamo che il Monumento è stato nuovamente vandalizzato – spiegano le sezioni cittadine di Anpi e Aned -, pochi giorni dopo il 27 gennaio: è stata scheggiata la teca di Dachau, all’interno della quale vi sono ceneri e terre riportate da Ettore Zilli e padre Davide Maria Turoldo per conto dei familiari e sopravvissuti. Per noi dell’Anpi e dell’Aned – continuano – si tratta di un’opera a noi carissima a cui abbiamo sempre dedicato la nostra cura nel mantenerla sempre in ordine e arricchendola, anche grazie al prezioso lavoro di ricerca svolto bel corso di anni di Giuseppe (Peppino) Valota, con i masselli con i nomi dei deportati morti nei campi di concentramento. Dopo il 2017 dove furono danneggiate tre teche assistiamo oggi ad un nuovo vile attacco che colpisce tutta la comunità antifascista e democratica, che subì innumerevoli e ha vissuto sulla propria pelle cosa significa il nazismo e fascismo. Chiediamo che la politica, condanni questi atti che non colpiscono solamente una storia e una comunità locale, ma minano il tessuto democratico della nostra società. Noi non dimentichiamo, Sesto non dimentica”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Fotovoltaico Lombardia, approvata mozione limitazione in aree tutelate

Via libera alla mozione del consigliere regionale della Lega Riccardo Pase relativa alle limitazioni per …

Lascia un commento