Corso base di apicoltura con il sestese Maurizio Ghezzi

Ghezzi con i suoi alveari 

Maurizio Ghezzi, 65 anni, sestese, medico per quaranta anni nel reparto di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva della Mano al CTO,  da una quindicina d’anni si è avvicinato al mondo dell’apicoltura. Attività che ha ispirato anche il suo libro ‘Un apicoltore in Vespa’ (in vendita nelle librerie Tarantola e Presenza) e che oggi, dopo pensionamento, è diventata la sua principale attività.
A gennaio Ghezzi terrà infatti un corso base di apicoltura presso la biblioteca di Costa Masnaga.
“Visto il crescente interesse verso l’affascinante universo ape e la grande richiesta di partecipazione a corsi specifici di apicoltura – spiega Maurizio Ghezzi – ho pensato di proporre questo corso base utile per imparare la gestione dell’alveare e allo stesso tempo avere il piacere di visitare una ridente cittadina della nostra incontaminata Brianza.
Ormai, l’apicoltura urbana – aggiunge l’apicoltore sestese – sta divenendo una realtà sempre più diffusa ed anche nella nostra città si nota, già da tempo, la presenza di alveari che riescono a ritagliarsi un loro angolo protetto nei parchi pubblici (Parco Nord, Parco Media Valle del Lambro, etc.), nei giardini privati, nei cortili, sui tetti e perfino sui balconi di casa”.
Ghezzi ad esempio ha posizionato due alveari nel giardino di casa a poca distanza dal centro cittadino. “Paradossalmente – spiega – l’habitat urbano è divenuto, grazie ad un clima più favorevole, all’abbondanza di fioriture presenti sulle tante alberature dei viali dei parchi e dei giardini e soprattutto grazie all’assenza dell’utilizzo massivo di fitofarmaci, diserbanti e pesticidi, un ambiente ideale per la crescita e la riproduzione di questo importantissimo imenottero. Questa particolare condizione ha fatto sì che, attualmente, nei centri urbani vi sia un’importante produzione di ottimo miele puro poiché scevro da pericolose contaminazioni chimiche. È inutile negarlo ma è ormai risaputo che le api, grazie al loro infaticabile ed incessante lavoro, preservano la biodiversità garantendo un’ottima tutela ambientale ed è proprio per questo motivo che risultano essere insetti fondamentali per una buona conservazione del territorio. Tutto ciò spiega come mai la loro presenza sia legata in maniera indissolubile al nostro benessere e alla nostra sopravvivenza ed è proprio in base a questa convinzione che sento l’esigenza di divulgare la cultura apistica per cercare di contrastare quell’insana mentalità, sempre più frequentemente radicata in noi, che ci spinge, a volte, a sprecare l’insostituibile scartando ciò che ci tiene in vita e rende la stessa vita degna di essere vissuta. Il mio voler parlare di api – conclude Ghezzi – nasce anche dalla mia profonda convinzione che salvare un’ape oggi potrebbe contribuire a salvare il mondo domani”.
Il corso, gratuito ma con posti limitati, si terrà il 28 gennaio, il 4, 11 e 18 febbraio presso la biblioteca di Costa Masnaga in piazza Francesco Confalonieri 4.
Al centro degli incontri la  conoscenza di base dell’ape e del suo ciclo vitale, le tecniche e le operazioni apistiche da svolgere nel susseguirsi dell’anno, la gestione dell’alveare e il controllo e prevenzione delle malattie, il contrasto alla sciamatura, la produzione di miele e prodotti dell’alveare.
Per informazioni e iscrizioni: Tel. 031856731 – mail biblioteca@comune.costamasnaga.lc.it

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Trasferta prenatalizia per la Biblioteca dei Ragazzi

Trasferta prenatalizia al Centro Sarca per la Biblioteca dei Ragazzi di Sesto San Giovanni. In questi giorni …

Lascia un commento