Giuliano Barbanti

Ultimo commosso saluto della città al Maestro Barbanti

Una delle opere di Barbanti

Sono state celebrate giovedì 3 novembre le esequie del Maestro Giuliano Barbanti, storico direttore della civica Scuola d’Arte Federico Faruffini, scomparso domenica 30 ottobre all’età di 86 anni.
Ai funerali nella Basilica di Santo Stefano era presente anche la nostra Ombretta Di Pietro, allieva della Faruffini proprio negli ultimi anni della  direzione Barbanti.
“Ho avuto il piacere e l’onore di conoscerlo quando frequentavo la Scuola d’Arte sotto la sua direzione – ricorda Ombretta -. Ha saputo trasmettermi tanta passione per l’arte. Ieri alle esequie in Santo Stefano e ci siamo tutti molto emozionati quando il mio attuale Maestro ha letto un suo scritto in omaggio all’amico e collega scomparso”.
Un ricordo emozionato e emozionante che condividiamo con i lettori.
Un ricordo personale, della scuola e di tutta la città, che il Maestro Barbanti ha contribuito a rendere grande. 

 

Ciao Giuliano
Mi piace ricordarti mentre attraversi le aule e il corridoio della Scuola d’Arte Faruffini, col tuo passo veloce e la tua figura snella ed elegante.
Ti rivedo camminare nella tua scuola dove hai trasmesso l’amore per l’arte, dove hai dato indicazioni e suggerimenti sempre con modi garbati e discreti; portando alla luce gli elementi positivi dei tuoi allievi al fine di incoraggiarli a superare le difficoltà nel loro percorso didattico.

Hai vissuto la tua vita per l’esperienza artistica e la scuola.
Sei stato maestro nel senso più completo del termine.
Hai saputo indicare, orientare, coinvolgere un’attività culturale e artistica non solo nella scuola ma anche nel territorio sestese.
Ti ringraziamo per la tua capacità di coinvolgere nella partecipazione e nell’attenzione ai problemi della cultura visiva e ai valori che l’arte trasmette e sviluppa.
Valori legati al sensibile, alla percezione di elementi che ci appartengono e che fanno parte della nostra esperienza di vita: l’armonia delle forme, la proporzione, gli equilibri formali, la trasparenza, la misura, la tensione, i contrasti cromatici e le armonie delle tonalità.
Elementi e linguaggi dell’arte che hai saputo in modo concreto raccontarci attraverso il tuo lavoro di pittore e artista.
Nel tuo mondo pittorico la forma e gli elementi geometrici diventano, per chi li osserva con attenzione, una dimensione di spazialità e di forme che rivelano un mondo che scopre e manifesta la dimensione del sensibile.
Grazie Giuliano per il tuo insegnamento e la tua passione per l’arte.

Antonio Triacca    

Circa specchiosesto

Controlla Anche

PNRR, tre milioni per il nuovo nido Savona

Il progetto per la riqualificazione del nido Savona è stato ritenuto idoneo ad accedere all’assegnazione …

Lascia un commento