Verso il voto: Fontana a Sesto, la videoproiezione di Vino e le domande ‘scomode’ a Rosignoli 

Roberto Di Stefano con il governatore Fontana in piazza Petazzi

A una settimana dal voto si intensificano gli appuntamenti di campagna elettorale. Questa mattina il sindaco uscente,  candidato del centrodestra, Roberto Di Stefano ha portato a Sesto il governatore di Regione Lombardia, Attilio Fontana, per visitare i luoghi che saranno oggetto di riqualificazione grazie ai fondi regionali.“Ringrazio Fontana e Regione Lombardia –  dichiara Di Stefano – che in questi cinque anni hanno dimostrato grande vicinanza e attenzione al nostro territorio. Una collaborazione fattiva e una sinergia ottima in linea con la nostra idea di città in trasformazione. Penso al milione di euro per la riqualificazione di piazza Petazzi e largo Lamarmora i cui lavori cominceranno a luglio, ai 1.9 milioni per piazza Oldrini e piazza Trento e Trieste, ai 400.000 euro per la Bicipolitana da Restellone a Marelli che sta già prendendo forma, ai 600.000 euro per la ciclabile già cantierizzata che attraverserà il parco Bergamella e lo unirà al parco Adriano a Milano, ai 10 milioni stanziati per la messa in sicurezza e gli adeguamenti necessari per scuole e palestre, ai 1.6 milioni per le piscine coperte De Gregorio e Olimpia, ai 600.000 euro per il parco Rimembranze, agli 800.000 euro per il rifacimento di strade e marciapiedi e per l’abbattimento delle barriere architettoniche, ai 200.000 euro per la video sorveglianza cittadina, le bodycam, le fototrappole, i progetti smart city per i pattuglioni della Polizia Locale. Con queste importanti risorse abbiamo già ridato vita alla piscina De Gregorio, abbandonata al degrado dalla sinistra, e riqualificato numerose scuole cittadine che da anni non ricevevano adeguata manutenzione. Vogliamo ridare vita luoghi centrali nella vita cittadina sestese, incentivare una vera mobilità sostenibile, migliorare la sicurezza delle strade e delle periferie, per una Sesto sempre più curata, vivibile e attrattiva”.

La video-proiezione presentata da Paolo Vino

Sabato 4 giugno invece Paolo Vino,  candidato delle liste Giovani Sestesi e Lista Popolare per Vino sindaco, ha presentato la videoproiezione dal titolo ‘Dalla città delle fabbriche alla città giardino’.
“Il primo programma di ristrutturazione urbana che sia mai stato concepito a Sesto – ha spiegato Paolo Vino alla folta platea intervenuta nel cortile di Villa Visconti d’Aragona -, per lasciare ai bambini, ai giovani e agli anziani una città in cui si può giocare, divertirsi, fare shopping, passeggiare in strade e piazze sicure, pulite e belle: 5 punti da trasformare radicalmente, con strutture e infrastrutture innovative, funzionali e accessibili”. Un video di 7 minuti e mezzo con l’idea di riqualificazione della città di Vino. “Il riassunto di un lavoro di progettazione durato anni – ha sottolineato -.  L’obiettivo è quello di restituire alla città la dignità, l’identità e la vivibilità che merita, e lo si può fare in maniera efficiente ed efficace”.
Sesto Liberale e Democratica (Azione Sesto, Italia Viva e Più Europa) propone invece, martedì 7 giugno, un’intervista al suo candidato sindaco Massimiliano Rosignoli. Le domande saranno quelle ‘scomode’ raccolte  in questi giorni tra i cittadini.
“Spesso si dice che la politica non ascolta i cittadini. Ascoltare i cittadini per

Massimiliano Rosignoli

Massimiliano Rosignoli è naturale e, qualora dovesse essere eletto Sindaco, sarà la sua prassi – spiegano da SLD -. Da alcune settimane stiamo raccogliendo le domande dei cittadini a cui Rosignoli risponderà nel corso di un evento pubblico moderato dal giornalista Rodolfo Sala. Un’unica regola: solo domande ‘scomode’. Le domande possono essere formulate sul profilo Facebook di Sesto Liberale e Democratica o al sito  SoloDomandeScomode“.
L’intervista avrà luogo martedì 7 giugno, alle 18.15, in Villa Mylius in Largo Lamarmora.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio. Le opposizioni si diano una regolata

Se davvero quello della leader di Fratelli d’Italia è il governo più a destra della …

Lascia un commento