Ucraina, nel racconto del nostro lettore dialogo tra un lupo e una volpe

Il nostro lettore Giovanni Giudice ci invia questo breve racconto che condividiamo con i nostri lettori. Una favola che attinge alla drammatica attualità.

Il lupo e la volpe si raccontano l’Ucraina
L’altro giorno, dopo molti anni, nella grande foresta di Gemenc lungo il Danubio in Ungheria si sono rincontrati il lupo e la volpe.
ll Lupo: è da molto che non ci vediamo, dove sei stata?
La Volpe: Sono andata a trovare dei parenti in Ucraina ma per poco ci rimettevo la pelle, lo sai che i soldati russi la stanno bombardando perché un giorno l’Ucraina, consigliata dal resto dell’Europa, ha deciso di diventare un popolo libero e di staccarsi dalla dittatura Russa.
L: Finalmente! così saranno liberi e potranno far parte dell’Europa e della Nato.
V: Questo è proprio quello che non vuole la Russia e ha cominciato a bombardare le città dell’Ucraina per costringerla ad abbandonare questa idea. Ma nonostante ciò l’Ucraina sta resistendo con le armi.
L: Fa bene perché non si può soffocare la libertà.
V: Certo, fa bene ma i russi stanno seminando morte e distruzione cercando d’invadere tutto il paese. E come ben sai mio carissimo amico, la libertà si gode solamente da vivi.
L: Hai ragione carissima Volpe, questa è proprio una verità lapalissiana. Ma allora Volpe dimmi perché tutti i capi di Stato che rappresentano la “crème” della politica mondiale non sono arrivati a questa conclusione?
V: La risposta a questa tua, vorrei dire, intelligente domanda la puoi trovare su tutti i libri di storia che peraltro sono comprensibili a tutti. Caro Lupo alla prossima.
L: Carissima sei la solita vecchia Volpe. E’ stato un piacere incontrarti!…      

                                                                                                             Giovanni Giudice 

  

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Cinisello, Giacomo Poretti apre la stagione del CineTeatro Pax

Riparte uno degli appuntamenti culturali più amati dai cinisellesi: la rassegna teatrale. Come è tradizione …

Lascia un commento