Bilancio di previsione 2022, intervista a Gianmaria Vincelli, Presidente Commissione 1 

Mercoledì 30 marzo in consiglio comunale è stato approvato il bilancio di previsione 2022 del Comune di Sesto San Giovanni.
Ne parliamo con Gianmaria Vincelli (Lista Di Stefano),  Presidente della Commissione Bilancio.
Vincelli, il 30 marzo scorso il bilancio di previsione è stato approvato non senza polemiche. Prima della seduta di consiglio sotto il palazzo comunale si è tenuta una manifestazione dell’opposizione per protestare – come si legge nella loro nota congiunta – “contro le restrizioni alla democrazia cittadina, condannate ufficialmente anche dal prefetto”.…
“Una manifestazione strumentale, organizzata da tutti gli attori protagonisti del malgoverno cittadino del passato. In realtà in consiglio comunale abbiamo dimostrato, con concretezza e con i numeri, che l’amministrazione guidata dal sindaco Di Stefano è virtuosa, non disperde le risorse e, soprattutto, potenzia i servizi”.
Ci faccia qualche esempio  …
“Con il bilancio 2022 andremo a destinare maggiori risorse ai servizi per la cittadinanza e questo nonostante l’impegno in un duro piano di rientro dovuto a 26 milioni di buco di bilancio  ereditati dalla sinistra. Grazie al nostro impegno e al nostro duro lavoro abbiamo approvato un documento di previsione con il quale aumenteremo le ore destinate al supporto educativo delle disabilità nelle scuole del 44% con uno stanziamento per la disabilità maggiorata del 35%; le misure a sostegno degli anziani passano  da 1,8 milioni nel 2017 a 4,2 milioni nel 2022 (+ 135%). E ancora, gli interventi per infanzia e minori passano da 7 milioni  (2017) a 8,7 milioni (+ 25%),  le risorse per la famiglia  passano da 2,5 milioni nel 2017 a 5 milioni nel 2022 (+100%).
Ripeto, in cinque anni abbiamo fatto molto e ancora di più avremmo potuto fare se avessimo ricevuto in eredità un Ente sano; siamo usciti dal predissesto il 31 dicembre 2021 e ora ripartiamo da questo bilancio virtuoso che, in continuità col precedente, rispecchia gli obiettivi di mandato, i contenuti del Documento Unico di Programmazione (DUP) e gli indirizzi generali del Programma di Mandato: dall’ambiente, ad esempio con la riconversione del forno inceneritore in un impianto di green economy allo Sport, con i rinnovati impianti sportivi; dalle politiche abitative alle quelle sociali, educative, culturali e sportive.
Negli ultimi anni abbiamo intercettato  62 milioni di euro attraverso finanziamenti governativi e regionali; 1 milione e 650 mila euro arrivano dal PNRR per la riqualificazione delle ville storiche cittadine: Villa Mylius, Villa Puricelli Guerra e Villa Visconti d’Aragona”.
E poi c’è il quartiere Rondinella per il quale cinque anni fa si era posto obiettivi precisi: il miglioramento della viabilità, la valorizzazione delle imprese nel quartiere, una maggiore attenzione verso i giovani e gli anziani. In particolare si è molto speso per il rilancio e la  riqualificazione dell’ex sede di circoscrizione di via Matteotti 468.  A che punto siamo?

L’immobile comunale, ex sede della Circoscrizione 2

“La Rondinella è da sempre un quartiere molto popoloso, con diverse attività commerciali e, per via della presenza di numerosi plessi scolastici concentrati in pochi metri quadrati, ha sempre avuto una viabilità e una mobilità complessa. Migliorala è sicuramente tra i miei obiettivi ma su questo bisogna lavorare di concerto anche con l’amministrazione comunale di Cinisello Balsamo. Posso però anticiparle che uno degli impegni presi cinque anni fa in campagna elettorale sta andando a buon fine: la riapertura dell’immobile in disuso che ospitava la sede di quartiere.
Con il Sindaco ci siamo a lungo battuti per rendere possibili gli interventi di ristrutturazione straordinaria necessari per la riapertura e finalmente a maggio inaugureremo la parte dell’immobile che si affaccia sulla via. A breve saranno disponibili anche i 40 mila euro messi a disposizione, su mia richiesta, dal consigliere regionale Luca Del Gobbo (Noi con l’Italia) con un ordine del giorno (per l’utilizzo del fondo interventi per la ripresa economica, ndr). Ultimeremo i lavori sull’intero immobile e andremo a bando per rilanciare l’immobile di proprietà comunale e farlo tornare ad avere una funzione civica e di pubblica utilità per i sestesi”.
L’immobile diventerà come previsto un centro polifunzionale?
“E’ così.  Dopo il bando aperto alle associazioni, il centro tornerà ad essere a disposizione dei nostri anziani, delle famiglie e dei ragazzi del quartiere da troppo tempo sguarniti di un posto di ritrovo dove coltivare la socialità.
Posso già anticipare ai lettori che troverà casa nel centro anche la sede della prestigiosa Accademia musicale Stabat Mater diretta dal Maestro Donato Bruno, già Direttore Artistico dei Corsi di Formazione e aggiornamento per le Corali dell’Arcidiocesi di Milano e docente di Musica presso le Opere Sociali don Bosco. Insomma, tanto è stato fatto e tanto ancora vogliamo fare: Sesto San Giovanni è finalmente tornata ad essere una città attraente e attrattiva e su questa strada intendiamo continuare come dimostra anche la recente presentazione in consiglio comunale giovedì 31 marzo del progetto del nuovo Parco Unione, una distesa verde sulle ex aree Falck progettata da Andrea Bulloni (LAND) di circa 13,5 ettari, ricca di nuove funzioni e allo stesso tempo legata alla memoria industriale. Un progetto con il quale la città si proietta ufficialmente nel futuro”.  

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Segrate, McDonald’s cerca 40 persone

McDonald’s cerca 40 nuovi candidati per rafforzare i team dei suoi ristoranti di Segrate, in …

Lascia un commento