La lettera. Guerra in Ucraina: fermiamo questa carneficina 

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del nostro lettore, Giovanni Giudice, sulla guerra che sta insanguinando l’Ucraina. Uno sfogo accorato che condividiamo con i nostri lettori:

Siamo veramente stanchi di vedere morte e distruzione, di sentire fatti di cronaca tristi e raccapriccianti in tutte le tv. 
Questa tragedia ci porta a comprendere che i capi di tutti i Paesi coinvolti forse hanno fallito. In fondo proprio loro che rappresentano i capi famiglia dei propri cittadini e che soprattutto hanno la grande responsabilità di preservare la vita e la sopravvivenza di ogni singolo essere umano, hanno scelto di difendere la libertà di un popolo oppresso.  Certamente è uno dei più nobili ideali, però purtroppo, è tristemente intriso dal sangue di tanti innocenti che muoiono, da famiglie che vengono distrutte, da bambini incolpevoli i quali stanno subendo dei traumi che non dimenticheranno mai. Questo è lo scenario che oggi si presenta sotto gli occhi di tutti.
Ora nonostante questo dramma ci stia portando verso un tragico epilogo per colpa di un invasore crudele e irrazionale, nessuno, proprio nessuno dei grandi capi occidentali, dice: “Basta, fermiamoci, alziamo le mani, non alimentiamo questa carneficina, non illudiamo questo popolo assetato di libertà.”  
Continuando in questo modo otterremo forse una terra libera ma distrutta e senza vita e così allora abbiamo perso tutti, perché questa non è Libertà! So bene che le mie modeste parole esprimono soprattutto un senso di rabbia, forse uno sfogo, cosciente di non aver voluto, come cittadino, questa guerra orrenda. 
La mia speranza è quella di essere condiviso dalla maggioranza”.                                                                                          

                                                                                                        Giovanni Giudice

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Strisce blu, manifestazione pubblica di protesta organizzata da Gianpaolo Caponi

Non si placa in città il dibattito sul nuovo piano della sosta a pagamento al …

Lascia un commento