Parco Unione, 10 milioni per il parco urbano pubblico

E’ stato approvato il progetto definitivo per 10.000.000 di euro del “Parco urbano pubblico – comparto Unione”, la cui realizzazione è prevista a partire da settembre 2023.
La nostra Città vedrà crescere il Parco Unione e il Parco della Città della Salute, a cui seguirà poi, entro il 2030, la realizzazione del Parco Concordia.
Queste aree avranno un’estensione totale di 24,5 ettari (il doppio della Biblioteca degli Alberi di Milano), con oltre 10.000 nuovi alberi piantati e 15 km di piste ciclabili.
La vera rivoluzione è però la nuova concezione che verrà data a questi spazi verdi: non saranno solo tradizionali aree di svago, ma luoghi di destinazione con contenuti esperienziali. I parchi saranno caratterizzati da aree tematiche (poli attrezzati dedicati alle attività sportive, orti, aree giochi) offrendo dei veri e propri servizi per il quartiere circostante e divenendo centri di aggregazione e condivisione.
La fine dei lavori del Parco Unione è programmata per dicembre 2024, in coerenza con la realizzazione e l’entrata in funzione della Città della Salute e della Ricerca.
“Stiamo risarcendo la Città – ha dichiarato il Sindaco Roberto Di Stefano – dalla massiccia industrializzazione avvenuta nel ‘900. Sesto San Giovanni ha l’ambizione di essere una città sostenibile e salutare in tutti i sensi. Per questo motivo, nella Città della Salute e della Ricerca ospiteremo delle grandi aree verdi a disposizione di tutta la cittadinanza.”
“Il sistema dei parchi urbani – spiega l’assessore all’Urbanistica Antonio Lamiranda – è un elemento fondamentale della pianificazione cittadina per la nostra amministrazione. La sostenibilità è al centro del nostro progetto, anche a livello economico: alcune delle attività previste saranno infatti in grado di generare reddito, consentendo la manutenzione di queste aree.”

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Caro bollette, stangata da oltre 1 milione di euro per il Comune

“La stangata del caro bollette su luce e gas colpisce indiscriminatamente tutti.  Non vogliamo restare …

Lascia un commento