Cdm vara all’unanimità i decreti contro il caro-bollette

Il governo ha varato, all’unanimità due decreti, per correggere la cessione dei crediti del Superbonus, e contro il caro-bollette.
Si stanziano quasi 8 miliardi senza scostamento, “grazie alla ripresa che nel 2021 è andata ben oltre le previsioni”, sottolinea Draghi.
Il pacchetto per tagliare le bollette ammonta in tutto a 5,8 miliardi: 1,8 miliardi servono per azzerare gli oneri di sistema che gravano sulle bollette delle famiglie e delle piccole attività, altri 1,2 miliardi per annullare l’effetto di quelli che riguardano le imprese con potenza superiore a 16,5 kW.
Un contributo, per uno stanziamento totale di 700 milioni, è concesso alle imprese energivore sotto forma di credito d’imposta, mentre un altro credito d’imposta, pari a 522 milioni, in favore delle attività a forte consumo di gas.
Altri 592 milioni per ridurre l’Iva sulle bollette del gas al 5%, mentre 480 milioni sono riservati alla riduzione degli oneri sul gas. Il bonus sociale per le bollette della luce e del gas, destinato alle famiglie povere, è rafforzato con uno stanziamento di 500 milioni.
L’obiettivo è proteggere famiglie e imprese anche nel secondo trimestre dell’anno, con i prezzi di luce e gas ancora alle stelle, le tensioni geopolitiche legate dall’evoluzione delle tensioni tra Mosca e Kiev e l’inflazione in salita e una fase di nuovo rallentamento dell’economia.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Carta, Lombardia ‘riciclona’: nel 2021 differenziate oltre 570.000 tonnellate

Nel 2021 in Lombardia sono state raccolte e avviate a riciclo più di 570.000 tonnellate …

Lascia un commento