Effetto Omicron su turismo e ristorazione

“Lo scenario è molto preoccupante: da tutta la Lombardia i segnali che registriamo, sono di un forte calo dell’attività alberghiera e disdette nei ristoranti, seppur con qualche lieve differenza tra diversi territori. Ma il comune denominatore è uno: la fortissima preoccupazione per quello che succederà dopo l’Epifania, con una situazione di totale incertezza che mette a rischio ogni possibilità di programmazione. Siamo di fronte ad una ricaduta in un livello di crisi che speravamo di esserci lasciati alle spalle”. Così Carlo Massoletti, vice presidente vicario di Confcommercio Lombardia, sull’effetto del nuovo inasprimento dell’emergenza sanitaria sul comparto del turismo in regione.
“Dai riscontri sulle attività di ristorazione, possiamo dire che per il cenone di Capodanno anche in Lombardia le disdette si aggirano di media sul 30%; il quadro è diversificato, ma abbiamo segnalazioni di diverse attività che preferiscono chiudere e mettere in ferie i collaboratori; in altri casi l’operatività viene fermata dalle quarantene degli stessi imprenditori o dei loro dipendenti” osserva Lino Stoppani, presidente di Fipe Lombardia.
Secondo Fabio Primerano, coordinatore degli albergatori lombardi di Confcommercio “La paura da parte dei clienti naturalmente non è più soltanto quella del contagio, ma anche quella di rimanere incastrati nel meccanismo della quarantena. Sul fronte alberghiero, le disdette superano il 60% e l’occupazione nelle strutture è ai minimi soprattutto nelle città, dove pesa il nuovo forte calo, di fatto quasi uno stop, dei movimenti turistici internazionali. E anche dove si è riusciti a limitare i danni, spesso si è dovuto ricorrere ad un forte abbassamento dei prezzi. Rispetto a qualche settimana fa la situazione è resa particolarmente grave dal fatto che ad oggi stanno venendo a mancare anche i viaggiatori europei, tedeschi, svizzeri, austriaci in primis”.
“La nuova emergenza è però quella che ci proietta oltre l’Epifania: per gli operatori del turismo è praticamente un salto nel buio. Il timore del virus e la fortissima incertezza stanno bloccando le prenotazioni, anche per la ricettività della montagna. Proprio per questo torniamo a chiedere, ad ogni livello, interventi di sostegno – e in questo senso non dobbiamo dimenticare le discoteche, nuovamente chiuse – e in generale la proroga della cassa integrazione e delle moratorie fiscali e bancarie” conclude Massoletti.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Bonus 200 euro, la protesta degli artigiani

“Ci sono cittadini di serie A – i dipendenti e pensionati – che hanno incassato …

Lascia un commento