Fondo Fiorenza Bassoli, incontro sulle cure palliative e sulla rete in città

Fiorenza Bassoli

E’ alle cronache di questi giorni il dibattito sul fine vita, il suicidio assistito e le cure palliative in un mix di confusione che non aiuta pazienti e familiari a capire quale sia il percorso di cura più adatto ad ogni singola situazione, come se fossero tre terapie intercambiali o simili.
“Il Fondo Fiorenza Bassoli – spiega Yuri Maderloni, figlio di Fiorenza Bassoli, prima donna sindaco della città, due volte senatrice, scomparsa nel 2020 all’età di 71 anni   dopo una lunga malattia – si è dato tra i propri obiettivi quello di far conoscere e comprendere che cosa siano le cure palliative e per questo motivo da appuntamento a tutti i cittadini il prossimo 1° dicembre (dalle 17.30) presso l’auditorium Bcc Milano di via Gramsci a Sesto per parlare di ‘Cosa sono le cure palliative? La rete di assistenza e le prospettive di sviluppo con l’apertura dei primi corsi universitari’”.
Interverranno all’incontro il professor Augusto Caraceni, docente del primo corso in Medicina Palliativa dell’Università degli Studi di Milano, il dr. Franco Rizzi, responsabile Cure Palliative e Terapie del Dolore ASST Nord e Milano, la dott.ssa Vanna Avoledo, presidente associazione medici di Sesto e Annamaria Antoniolli, presidente Auser Sesto.
“Con i relatori – aggiunge Maderloni – cercheremo di tratteggiare la situazione sestese attuale con l’intento di far comprendere quale sia la rete di assistenza e cura pubblica e privata (tra cui le associazioni di volontariato) attiva nel nostro territorio e a cui il paziente e i suoi cari possono affidarsi per intraprendere il percorso di cura più adatto e non in solitudine. Si ringrazia di cuore per l’organizzazione di questo evento BCC Milano, che ha fin dai primi passi sostenuto il progetto del Fondo Fiorenza Bassoli”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Hub vaccinale Ospedale di Sesto, seconda maratona notturna

Stanotte, dalle 21 alle 8 del mattino, il secondo dei tre vax night previsti nel …

Lascia un commento