Home » Politica » Maratona sanità, Rozza (PD): a Milano Case di Comunità insufficienti

Maratona sanità, Rozza (PD): a Milano Case di Comunità insufficienti

Carmela Rozza

Del tutto insufficienti ai bisogni di salute dei cittadini le Case di comunità previste a Milano e cancellato l’0spedale San Paolo. A lanciare l’allarme è la consigliera regionale del Pd Carmela Rozza,  nel secondo giorno della maratona  di tre settimane sulla legge di revisione del sistema sanitario lombardo, oggi in aula con il camice  usato nei  quattro mesi di   volontariato da infermiera al Centro vaccinale delle Scintille.
“L’analisi epidemiologica condotta per stabilire il numero delle Case di comunità a Milano – afferma Rozza – è del tutto inadeguata. Ne sono previste una ogni 60 mila abitanti, mentre ne servirebbe una ogni 20 mila. Basti pensare che l’analisi si basa sul numero degli accessi agli ospedali per patologia. Un criterio del tutto insufficiente. Per i malati  di diabete, ad esempio, per il Municipio 1  si  fa riferimento a 661 accessi agli ospedali, un numero ridicolo se si considera che il diabete è una malattia iperdiffusa tra gli anziani e gli over 70 sono più di 17 mila”.
“Ma non solo – continua Rozza- non si è tenuto conto del numero degli anziani soli, a Milano le famiglie con un solo componente sono 333 mila, dei cittadini stranieri, che spesso necessitano di un supporto sociale e di una educazione sanitaria, e neppure dei bambini. Per non parlare dei consultori, compresi anch’essi nelle Case di Comunità che dovrebbero essere uno ogni 20 mila abitanti e invece sono uno ogni 60 mila”.
“La programmazione delle Case di comunità – attacca Rozza- è delegata dalla legge di revisione della sanità alla giunta regionale che decide numero e collocazione con delibera. Su Milano la programmazione delle Case di comunità voluta da Fontana e Moratti  non risponde in alcun modo ai bisogni dei cittadini. Basti pensare che essendone prevista una ogni 60 mila abitanti  un anziano che vive al Giambellino dovrà andarsi a curare alla Barona. Non è rispettato in alcun modo il principio sancito dal PNNR di ‘prossimità. Qui di prossimità non c’è traccia. Fontana e Moratti hanno scelto di sostituire le funzioni delle strutture non di potenziarle. Basti pensare che l’ospedale  San Paolo, che ha una specialistica avanzata ed è sede universitaria, sarà trasformato in Casa di Comunità. Il risultato è che i milanesi perderanno un ospedale anziché guadagnare una struttura di medicina territoriale”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Fondo Fiorenza Bassoli, incontro sulle cure palliative e sulla rete in città

E’ alle cronache di questi giorni il dibattito sul fine vita, il suicidio assistito e …

Lascia un commento