Al via la mostra diffusa “Il Sole 24ORE x Milano”

Nel corso della sua secolare esistenza Milano è stata caratterizzata, senza ombra di dubbio, da continui cambiamenti. Fondamentali per la città stessa e per i suoi abitanti, certamente più che necessari e dovuti, specchio, nella micro realtà metropolitana, di quanto sarebbe poi avvenuto nel macro tessuto nazionale. Come una bella donna che si imbelletta e indossa un vestito sempre nuovo per essere alla moda, all’altezza del compito che gli compete nei vari ambiti in cui è chiamata ad assumere il suo ruolo da protagonista, così Milano è stata in grado, negli anni, di leggere i mutamenti che stavano man mano prendendo corpo tra le trame del suo quotidiano andare, rispondendo prontamente con quelle modifiche migliorative che l’hanno resa grande e un esempio da seguire. Spinta da un viscerale passione, un’instancabile energia, un’acuta genialità, una sfolgorante vitalità, un’inesauribile vivacità, uno spiccato senso del lavoro e della “fatica”: quel patrimonio genetico che la contraddistingue e ne definisce le specifiche peculiarità. Cambiamenti veloci, che nell’ultimo secolo e negli ultimi decenni ancor di più sembrano aver subito un’accelerazione senza precedenti. Milano è una “città veloce”, in perenne movimento: si corre sotto l’asfalto con le metropolitane; sulle strade con i tram, i bus, le macchine, le biciclette, i monopattini, i passi svelti dei pedoni; nell’ aria, con gli aerei che disegnano il cielo col reticolato gassoso delle loro scie. Un sito di incontri e di scontri, di eccellenze in tutti i vari settori che compongono il motore propulsivo del costrutto urbano e il suo cuore pulsante: l’economia, la finanza, la tecnologia, la scienza, l’arte, la moda, lo sport, il sociale. Legati, in una soluzione di continuità imprescindibile, dal filo rosso della cultura, che unisce ogni ambito in un rapporto di interconnessione, in cui ciascun elemento condiziona ed è condizionato dagli altri e il trasformarsi di uno si ripercuote sui restanti. Cultura: la vera ed indispensabile variazione evolutiva nel suo trasmettere sapere e presa di coscienza. Con tale consapevolezza Il Sole 24 Ore si è prodigato, fin dalla sua nascita nel 1865, per dare voce a qualsiasi fermento innovativo, 150anni di storia per documentare gli altrettanto storici eventi e rinnovamenti di quella Milano che ne ha visto i natali. Con un occhio di riguardo proprio per l’ambito culturale, grazie allo speciale inserto della domenica e alla creazione di 24 ORE Cultura per la promozione di eventi e l’importantissima collaborazione col Mudec di via Tortona, in una costruttiva ed esemplare partnership pubblico-privato. In questo periodo particolare che richiede una rinnovata ripartenza e nuovi obbiettivi e orizzonti, Il Sole 24 Ore si è mostrato all’altezza della sfida modificando il formato cartaceo (dal 16 marzo!), approntando una nuova app (in nome del “digital first”, il recentissimo slogan della testata!) e trasferendosi nella nuova sede in viale Sarca, nel distretto della Bicocca in fortissima espansione tecnologica ed industriale sotto il segno della sostenibilità. Infine ideando questa visual storytelling, un’itinerante mostra all’aperto della e nella città che cambia. 12 totem disposti in 12 punti cruciali, dal forte valore simbolico-rappresentativo e attori della metamorfosi del territorio, che riportano le immagini delle pagine del giornale che raccontano gli avvicendamenti di questi emblematici luoghi, piazze e palazzi: con cui il visitatore sarà a tu per tu dal vivo e in cui si troverà immerso. Grazie alla presenza di un Q-AR Code sarà possibile accedere ad ulteriori approfondimenti virtuali: la mostra prosegue anche online all’indirizzo ilsole24ore.com/solexmilano, e tutti sono invitati a prendere parte all’iniziativa fotografandosi nelle varie postazioni e condividendo le immagini con #solexmilano-#ilsole24orexmilano. Un modo differente di riscoprire il passato, il presente e lo slancio futuro della nostra metropoli, interagendo col giornale stesso, interprete indiscusso dei basilari accadimenti. E soprattutto per ricominciare a viverla nuovamente, passeggiandovi “dentro”, respirandone l’essenza, pronti a ciò che sarà.    

Ecco le 12 tappe e le vie dove saranno collocati i totem, in associazione ai luoghi e monumenti scelti:

1^ tappa: La Milano del design: il totem è posizionato in via Tortona, di fronte il Mudec-Museo delle Culture di Milano;

2^ tappa: La Milano della moda: il totem è posizionato in Via Monte Napoleone, in dialogo con Palazzo Morando;

3^ tappa: La Milano della scienza: il totem è posizionato in via Olona, in dialogo con il Museo della Scienza e della Tecnologia; 

4^ tappa: La Milano dello sport: il totem è posizionato in Darsena, in dialogo con lo Stadio Meazza e L’Ippodromo;

5^ tappa: La Milano dell’arte: il totem è posizionato in Piazza della Scala, in dialogo con il Teatro;

6^ tappa: La Milano dell’architettura: il totem è posizionato in Piazza Gae Aulenti, in dialogo con il Bosco Verticale, il Parco Biblioteca degli Alberi;

7^ tappa: La Milano della legge: il totem è posizionato in Corso di Porta Vittoria, in dialogo con il Tribunale; 

8^ tappa: La Milano della finanza: il totem è posizionato in Piazza degli Affari, in dialogo con Palazzo Mezzanotte;

9^ tappa: La Milano delle imprese e dei territori: il totem è posizionato in via Senofonte, in dialogo con la Vecchia e Nuova Fiera e con il quartiere City Life;

10^ tappa: La Milano della sostenibilità: il totem è posizionato in Corso Venezia, in dialogo con il Museo di Storia Naturale, il Parco di Porta Venezia e la Gam;

11^ tappa: La Milano della tecnologia: il totem è posizionato nei pressi dell’Arco di Porta Garibaldi, in dialogo con la Microsoft House, la Fondazione Feltrinelli ed il Teatro Fossati;

12^ tappa: La Milano dello sviluppo urbano: il totem è posizionato in Viale Sarca, in dialogo con la nuova sede del Sole 24 Ore, il polo dell’Università Milano Bicocca, il teatro degli Arcimboldi e l’Hangar Bicocca.

Ombretta Di Pietro

La mostra diffusa “Il Sole 24ORE x Milano”, realizzata da Il Sole 24 Ore in collaborazione con 24ORE Cultura e col Comune di Milano Cultura, sarà visibile dal 20 aprile per due settimane.

 

 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Carta, Lombardia ‘riciclona’: nel 2021 differenziate oltre 570.000 tonnellate

Nel 2021 in Lombardia sono state raccolte e avviate a riciclo più di 570.000 tonnellate …

Lascia un commento