Home » Cronaca » Giornata della Memoria: Gioele Dix legge Primo Levi

Giornata della Memoria: Gioele Dix legge Primo Levi

Prosegue il progetto delle pillole letterarie di Gioele Dix che oggi mercoledì 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, pubblica sui propri canali ufficiali un’intensa lettura tratta da “I sommersi e i salvati” di Primo Levi.  Le immagini video di Gioele Dix mentre legge si alternano a filmati d’epoca dei deportati nei campi di concentramento.
Gioele Dix, negli anni, ha approfondito molto la conoscenza di questo grande scrittore che ha saputo descrivere e raccontare con molta lucidità e distacco, ma senza sconti, l’esperienza vissuta nel campo di concentramento di Auschwitz.
La Giornata della memoria è un’occasione importante per riflettere sul passato e per ascoltare la voce di chi, come Primo Levi, ha sentito il dovere del racconto e della testimonianza.
“È per questo che oggi – dice Gioele Dix – vi propongo le prime quaranta righe del suo libro più sofferto, “I sommersi e i salvati”, nel quale torna sull’argomento a più di quarant’anni di distanza. Pagine potenti e necessarie per ribadire la necessità di combattere senza tregua chi prova a minimizzare o addirittura negare la tragedia dei campi di sterminio.”
Gioele Dix nel suo libro “Quando tutto questo sarà finito”, pubblicato da Mondadori nel 2014, ha narrato le vicissitudini della sua famiglia perseguitata dalle leggi razziali durante la seconda guerra mondiale.
Attendendo che i teatri riaprano e di poter tornare in scena, Gioele Dix coglie l’occasione di condividere con il pubblico che lo segue le proprie passioni letterarie e dà appuntamento con
“I Sommersi e I Salvati” di Primo Levi, mercoledì 27 gennaio sui suoi canali ufficiali:
YouTube: https://youtu.be/iu_EQI8wIuo Facebook : https://fb.watch/3g-emwOGg4/ Instagram: https://www.instagram.com/tv/CKiUM7iKAQM

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Dal primo marzo la Lombardia torna arancione

Sono sei le regioni interessate dal cambio colore da lunedì 1 marzo in base all’ultimo …

Lascia un commento