Il nostro augurio di fine anno

Nel profondo dell’inverno, ho finalmente capito che dentro di me c’era un’estate invincibile.
(Albert Camus)

Come un lungo, infinito inverno, il 2020 si prepara ad andarsene. Portando via con sé tanti lutti, dolori immensi, attività che non riapriranno più e altre che a fatica proveranno a ripartire.
Il Covid-19, lettere e numeri che celano al loro interno storie di dolore, paura, sofferenza, ci ha provato tutti. Nel mondo si contano 1,8 milioni di vittime, oltre 70mila in Italia da inizio pandemia (16.202 i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e 575 le vittime).
A tanti ha tolto una persona cara, senza neanche la possibilità di un’ultima carezza; a molti il lavoro. A tantissimi, i nostri figli e nipoti, la possibilità di vivere la socialità.
In queste ultime ore del 2020 il nostro augurio, cari lettori, è che possiate trovare un po’ di pace e serenità. E il coraggio per ripartire consci che, in molti casi, dovrete farcela con le sole vostre forze.
Addio 2020!

La redazione

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Bambina aggredita da pitbull, il sindaco: occorre fare prevenzione

“Prima di tutto siamo felici di sapere che la bimba azzannata dal pitbull in casa …

Lascia un commento