Home » Politica » Sindaco nella Lega, Articolo Uno Sesto: fatta carta straccia delle ultime Amministrative

Sindaco nella Lega, Articolo Uno Sesto: fatta carta straccia delle ultime Amministrative

“Con il passaggio ufficiale di Roberto Di Stefano alla Lega, “battezzato” in città da Matteo Salvini si chiude un cerchio e non è una bella circonferenza perché racchiude la spoliazione della volontà espressa alle elezioni amministrative del 2012 quando elettrici ed elettori espressero una volontà di cambiamento che nulla ha a che vedere ne’ con quanto espresso dal Consiglio Comunale, ne’ con la politica dell’Amministrazione”. Così Articolo Uno di Sesto San Giovanni sull’ingresso nel Carroccio del sindaco Di Stefano, ufficializzato ieri in via Marzabotto alla presenza di Matteo Salvini (leggi l’articolo). “Dopo il liquefarsi di Sesto nel Cuore – prosegue Articolo Uno – con lo spostamento in massa dei suoi consiglieri e di quelli delle liste aggregate nel 2017 da posizioni moderate a posizioni estremiste di sostegno alla politica sempre più di destra del sindaco e dopo l’ufficializzazione del suo passaggio alla corte di Salvini si può ben dire che delle schede elettorali di tre anni fa si è fatta carta straccia. Accanto alla prova di inesistenza di dignità ed onestà politica della banda dei “civici” vi è stata la virata sempre più marcata verso la destra estrema del sindaco che all’impegno di distruzione della città, dei suoi valori, dei suoi servizi e del suo patrimonio ha da tempo appaiato la divulgazione degli slogan e dei contenuti più beceri e razzisti del suo attuale padrino politico. La Sesto indicata dalle urne – conclude Giampaolo Pietra per Articolo Uno – non è quella che attualmente siede sui banchi della maggioranza nel palazzo comunale e oggi con l’ultimo atto formale perde ogni legittimazione politica chi governa la città e chi lo sostiene”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Il sindaco Di Stefano passa alla Lega: “Un orgoglio”

Il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano abbandona Forza Italia, il partito con …

Lascia un commento