Home » Economia » Prestazioni integrative ai dipendenti artigiani, sollecito al Governo

Prestazioni integrative ai dipendenti artigiani, sollecito al Governo

Marco Accornero

La Claai-Unione Artigiani di Milano e di Monza-Brianza sollecita i Ministeri dell’Economia e delle Finanze e del Lavoro, ad erogare le risorse necessarie al Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato consentendogli di emettere i bonifici a favore dei lavoratori ancora in attesa delle prestazioni integrative loro riconosciute.
A tutt’oggi, infatti, nonostante l’emanazione del Decreto 41 del 15 giugno 2020, che trasferisce una parte delle risorse messe a disposizione dal Decreto 18 del 17 marzo 2020 e dal Decreto 34 del 19 maggio 2020, il Fondo attende con urgenza la disponibilità concreta dei fondi per assolvere all’erogazione delle prestazioni legate all’emergenza Covid-19.
Fsba ha comunicato di aver già erogato prestazioni per 298.370.086,47 relativi ai mesi di febbraio e marzo. Restano da liquidare, ma già autorizzate e pronte per essere pagate, prestazioni per 121.853.786,80 euro a completamento del mese di marzo. Per il mese di aprile Fsba ha già rendicontato un importo pari a 545.019.425,05 euro da erogare ai lavoratori.
“Si tratta di una situazione non più sostenibile- dichiara il segretario generale dell’Unione Artigiani, Marco Accornero – perchè l’attesa è andata oltre ogni ragionevole pazienza. I lavoratori dell’artigianato aspettano in uno stato di grave difficoltà l’accreditamento delle integrazioni di cui hanno diritto e che da tempo sono state loro riconosciute. Non è possibile far attendere oltre i dipendenti e le loro famiglie, mettendo a disagio anche le imprese alle quali i collaboratori si stanno rivolgendo con sempre maggior insistenza stante una situazione che di giorno in giorno si fa sempre più insopportabile ed angosciosa”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

McDonald’s cerca 40 persone per il ristorante che aprirà a Sesto

McDonald’s cerca 40 persone dinamiche, predisposte al lavoro in team e al contatto con il …

Lascia un commento