Home » Lavoro » Lavoro, Bofrost cerca personale: 300 posizioni aperte

Lavoro, Bofrost cerca personale: 300 posizioni aperte

Bofrost Italia, importante azienda italiana della vendita a domicilio di specialità alimentari surgelate e fresche, è alla ricerca di 300 persone per ampliare il proprio organico. L’azienda prevede di inserire due tipi di figure: venditori (assunti con CCNL Commercio), che a bordo dei mezzi refrigerati visiteranno a domicilio i propri clienti fidelizzati e nuovi, per poterli assistere nella scelta dei loro prodotti preferiti; e promoter commerciali (incaricati alla vendita), che avranno il compito di occuparsi della promozione dei prodotti e dei servizi Bofrost. Requisiti per entrambe le figure: buona capacità di relazione e predisposizione a lavorare per obiettivi.
La ricerca riguarda tutte le filiali italiane di Bofrost: gli annunci di lavoro presso le diverse unità locali e per le diverse posizioni sono consultabili alla pagina dedicata alle carriere sul sito www.bofrost.it, dove è possibile candidarsi inserendo i propri dati e il CV.
Bofrost Italia con i suoi prodotti serve nel nostro Paese 1,2 milioni di famiglie, un numero nell’ultimo periodo cresciuto in modo significativo grazie alla crescita della domanda della spesa a domicilio (+160% per il settore nel solo mese di aprile secondo il rapporto ISMEA).
«Gli ultimi mesi hanno portato Bofrost a essere conosciuta e apprezzata da moltissimi nuovi clienti per un servizio che si è rivelato essenziale, quello della consegna di alimentari a casa in tutta sicurezza – spiega l’amministratore delegato Gianluca Tesolin –. Anche nella “fase 2” il nostro resterà un servizio estremamente richiesto e ci stiamo preparando a sostenere la forte domanda nel periodo estivo con l’inserimento di nuovi addetti. E se dopo l’estate, come crediamo, la spesa a domicilio sarà entrata stabilmente nelle abitudini degli italiani, i nuovi inserimenti potranno essere stabilizzati».

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Reddito di cittadinanza, scoperti percettori non più reperibili in Italia

“Il reddito di cittadinanza era nato per aiutare chi aveva bisogno di lavorare, invece si …

Lascia un commento