Assonidi: il settore dei servizi all’infanzia affonda

“A breve saranno centinaia i nidi e le scuole dell’infanzia che dovranno cessare la propria attività perché non in grado di sostenere i costi fissi di gestione”, denuncia Federica Ortalli, presidente di Assonidi Confcommercio. “A questo si aggiunge una totale mancanza di progettualità per poter ripartire, un vero dramma nel dramma”. “Per questo motivo – propone la presidente di Assonidi – riteniamo possa essere utile un tavolo di lavoro composto da pedagogisti e operatori del settore, in modo da poter stabilire criteri e requisiti per la riapertura e, contestualmente, renderli compatibili con i progetti educativi che le strutture portano avanti con le proprie équipe insieme alle famiglie e ai bambini”. “Non si comprende – aggiunge Paolo Uniti, direttore dell’Associazione – il perché si concentrino ingenti risorse sui servizi di baby-sitting, peraltro  senza un preciso protocollo sanitario in grado di tutelare la lavoratrice, i bambini e le stesse famiglie, piuttosto che  destinare liquidità al nostro settore, magari prevedendo delle riaperture a gruppi ridotti di bambini e con una certificazione sanitaria dei genitori, privacy permettendo”.

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Convegno all’Università Milano-Bicocca sul contrasto alla violenza di genere

Il contrasto alla violenza di genere diventa efficace anche attraverso il confronto tra le voci …

Lascia un commento