Home » Cronaca » Emergenza Covid, lettera aperta dei capigruppo di minoranza

Emergenza Covid, lettera aperta dei capigruppo di minoranza

Dai Capigruppo di minoranza riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta inviata al sindaco Roberto Di Stefano, unitamente alla mozione urgente attraverso la quale si richiede l’immediata impostazione di un percorso condiviso tra diverse forze politiche in vista della necessità di variazione del bilancio comunale (a fronte del decreto Cura Italia), per individuare le risorse disponibili per contrastare le conseguenze sociali ed economiche dell’emergenza Covid-19. Tra le richieste contenute nella mozione figurano il reperimento nel bilancio previsionale delle risorse necessarie per istituire un “Fondo emergenza virus” possibilmente territoriale e sovracomunale e l’istituzione di un tavolo di coordinamento composto da Sindaco, Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale e capigruppo (o loro delegati) di tutte le forze politiche con il compito di incontrare non appena possibile gli attori della città per l’ascolto dei bisogni e delle proposte e di definire le priorità degli interventi.

Questo il testo della lettera aperta inviata al sindaco Di Stefano: 

Come forze politiche di minoranza presenti in Consiglio Comunale Le scriviamo una lettera aperta e pubblica per rinnovare, come già fatto qualche settimana fa, la nostra disponibilità ad affrontare attivamente l’emergenza che colpisce il nostro Paese e la nostra Città. Siamo convinti che in questo momento occorra la collaborazione di tutti, come ci ha ben indicato, in questi giorni, il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Noi chiediamo di poterci essere per dare il nostro contributo di idee e di proposte. Per questo abbiamo depositato un Ordine del Giorno con gli argomenti che vogliamo discutere con tutta la maggioranza e che fanno riferimento anche ai decreti ministeriali di queste settimane, non ultimo quello di alcuni giorni fa che richiama un impegno finanziario da parte dello Stato nei confronti dei Comuni a favore delle persone oggi maggiormente in difficoltà. Le risorse dovranno essere distribuite e organizzate con efficacia, rapidità, trasparenza ed equità.
Nel nostro Ordine del Giorno, che è un punto di partenza e non di arrivo, chiediamo di ragionare su misure eccezionali per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19 e sulle le sue ricadute sociali ed economiche intervenendo sulle tariffe e sui tributi locali e rafforzando le reti sociali a favore delle famiglie, dei lavoratori che hanno perso il loro reddito, dei liberi professionisti, degli esercenti, delle aziende, delle associazioni sportive e delle molte attività presenti sul nostro territorio.
Noi ci siamo, non solo come singoli cittadini che già stanno dando il loro contributo con i volontari, con la diffusione di informazioni rilevanti per la Città e con piccole azioni quotidiane e informali di sostegno. Ci siamo come forze politiche che possono mettere a disposizione le loro competenze e le loro forze; antenne sensibili che sanno riportare la voce e, soprattutto, i bisogni di chi non riesce a mettersi in contatto con le istituzioni.
Molti cittadini già ci contattano per il nostro ruolo di Consiglieri Comunali e per la nostra partecipazione attiva nella Città.
Crediamo quindi necessario il coinvolgimento di tutti noi affinché ogni azione e ogni informazione possa coordinarsi in modo coerente nel territorio. Sappiamo che questo già si fa in molti comuni. Rileviamo anche che la stessa richiesta è stata fatta da molte delle forze politiche che compongono questa maggioranza a livello nazionale.
Ci preme quindi attivare una collaborazione che, insieme alla presentazione di un atto amministrativo come l’Ordine del Giorno, possa tradursi in azioni concrete di collaborazione e coordinamento attraverso una sorta di cabina di regia collegiale.
La nostra Città è ricca di risorse, mai come oggi serve poterle mettere tutte insieme e coordinarle, perché si possano raggiungere più bisogni possibili.
Il virus Covid-19 ha dimostrato di non avere confini. Noi speriamo che questo ci insegni anche a non avere posizioni precostituite perché la politica deve saper agire con efficacia nei momenti di emergenza come quello che stiamo vivendo.
Restiamo dunque a disposizione dell’intera Città e chiediamo un confronto al più presto.

I Capigruppo
Roberta Perego – Partito Democratico
Savino Gianvecchio – Sesto al Primo Posto
Paolo Vino – Lista Civica Giovani Sestesi
Vincenzo Di Cristo – Movimento 5 Stelle

 

Sesto San Giovanni, 6 aprile 2020

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Fiume Seveso, Pase: la seconda vasca di Laminazione a Senago non è una priorità

“In merito all’ipotetico finanziamento della seconda vasca di laminazione del Seveso a Senago, vorrei sottolineare …

Lascia un commento