Home » Politica » Consiglio comunale, Vincelli: la nostra presenza in aula un atto di responsabilità

Consiglio comunale, Vincelli: la nostra presenza in aula un atto di responsabilità

In una sala consiliare semideserta è andata in scena ieri sera a Sesto San Giovanni la seduta di consiglio comunale per la discussione delle delibere sul bilancio preventivo 2020.
Nei giorni scorsi, a più voci, l’opposizione aveva chiesto di annullare la seduta per evitare assembramenti in aula in piena emergenza da coronavirus, tenendo anche conto che il decreto Cura Italia contempla la possibilità per tutti i consigli comunali di riunirsi in videoconferenza e differisce le scadenze dei bilanci degli enti locali.
La richiesta però non è stata accolta e ieri sera la seduta si è svolta regolarmente in presenza: sono state votate all’unanimità le delibere con 15 voti dei presenti: Sindaco, Presidente del Consiglio comunale e 13 consiglieri comunali.

A seguire riceviamo e pubblichiamo l’intervento del consigliere comunale della lista Di Stefano Sindaco, Gianmaria Vincelli.

“La volontà del Pd e di tutta l’opposizione di rinviare il Consiglio comunale convocato il 24 marzo per approvare il bilancio di previsione dell’Ente, è pura irresponsabilità in un momento difficile come questo. Innanzitutto ricordo alla sinistra che il Governo, del loro stesso colore politico, ha dato disposizioni molto chiare ai Comuni, autorizzandoli a compiere gli atti obbligatori, e il bilancio rientra assolutamente tra questi. Inoltre, sottolineo che diversi Comuni amministrati dal centrosinistra , su tutti Milano, hanno approvato il bilancio in poco tempo, proprio a causa dell’emergenza Coronavirus.
Come al solito la sinistra sestese non si smentisce mai, mettendo in atto un ostruzionismo dannoso per la città. Rinviando l’approvazione del bilancio come vorrebbe il Pd, avremmo un Comune ingessato, senza nemmeno la possibilità di fare variazioni per acquistare dispositivi sanitari come mascherine, guanti e gel igienizzante sino a bloccare pagamenti di fornitori, dipendenti, etc
Poi sembra che abbiamo indovini tra le minoranze! Come fanno a sapere quanto durerà l’emergenza Coronavirus? Sanno in anticipo se la situazione migliorerà o peggiorerà? Ad oggi con ulteriore decreto del Presidente del consiglio dei ministri l’Italia praticamente è ferma sino al 15 aprile.
Dopo averci lasciato in eredità un Comune sull’orlo del fallimento, con un buco di bilancio milionario, ora sfruttano le difficoltà di questa particolare situazione per cercare di bloccare l’amministrazione comunale e tutta la città. Sono nauseato dall’irresponsabilità della minoranza, soprattutto in un momento delicato come questo.
Ricordiamo il piano di rientro certificato dalla Corte dei Conti e dal Collegio dei Revisori: 21,7 milioni di disavanzo, 4,5 milioni di debito fuori bilancio, 14 milioni di debiti verso i fornitori.
Noi qui, con la nostra presenza attenta e responsabile faremo ancora una volta la storia di questa città.
La prima volta per aver vinto le elezioni amministrative del 2017, dopo 70 anni di mal governo di sinistra. La seconda per esserci assunti la responsabilità di scegliere la strada del predissesto per il Comune, in modo da provare a risanare vista la pesante eredità raccolta e certificata dalla Corte dei Conti e controllata di anno in anno dal Ministro degli Interni. E la terza, stasera, in un momento buio per tutta Sesto, per la Lombardia e quindi per l’intera Nazione.
Noi presenti qui, per amore di tutti e grande responsabilità nei confronti dei nostri concittadini sestesi, votiamo il bilancio preventivo, in modo da poter continuare ad amministrare e non bloccare la macchina comunale.
Noi siamo qui a fare il nostro dovere, senza una minoranza la quale continuerà a fare proclami dall’esterno come una sorta di consumatori compulsivi di bufale. Da tempo questa città non le crede più!
Rinnovo i ringraziamenti al nostro Sindaco, al Presidente del Consiglio, Assessori e a tutti i consiglieri di maggioranza. Eh sì, non perchè ci mettono la faccia ma per la volontà d’impegno e l’amore per questa Città.
Viva l’Italia, viva la Lombardia ma sopratutto viva Sesto San Giovanni”.

Gianmaria Vincelli
Gruppo Consiliare Di Stefano Sindaco

 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Colombo Clerici scrive a Sala: filiera turismo prioritaria per la rinascita di Milano

Lettera aperta del presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici scrive al sindaco di Milano Giuseppe …

Lascia un commento