Home » Cronaca » DireFareDare, Scuola di formazione Caponnetto e Laboratorio Lapsus unite per il progetto ‘Antimafia-La nuova Resistenza’

DireFareDare, Scuola di formazione Caponnetto e Laboratorio Lapsus unite per il progetto ‘Antimafia-La nuova Resistenza’

Paolo Borsellino

Più si parla di sicurezza e meno si parla di criminalità organizzata. Dalla condivisione di questo pensiero è nato il progetto “Antimafia – La nuova Resistenza”, che vede insieme le associazioni DireFareDare, Scuola di formazione Antonio Caponnetto, Laboratorio Lapsus. Diversi e articolati gli appuntamenti e le attività realizzati su diversi livelli: incontri con i testimoni e i protagonisti delle battaglie antimafia, il laboratorio di ragazze e ragazzi “Fare Compagnia” che preparerà uno spettacolo teatrale ed infine alcuni laboratori storici di approfondimento nelle scuole.
Il progetto si apre con un ciclo di incontri che si terranno alle 21 presso il Centro Culturale Valmaggi in Via dei Partigiani 110 Sesto San Giovanni.
Si comincia sabato 5 ottobre alle 16 con l’ “Incontro con Vera Pegna e il suo libro “Autobiografia del ‘900”, con Ciro Dovizio dottorando di ricerca in Studi sulla criminalità organizzata e membro di Laboratorio Lapsus. Giovedì 17 ottobre sarà la volta dell’ “Incontro con Jole Garuti e il suo libro “In nome del figlio – Saveria Antiochia una madre contro la mafia” e il 17 novembre dell’ “Incontro con Nando dalla Chiesa e il suo libro “Una strage semplice”, con Laura Incantalupo della Scuola di formazione Antonio Caponnetto.
Ultimo appuntamento giovedì 28 novembre “Incontro con Salvatore Borsellino e il suo libro “La Repubblica delle stragi”, con Monica Forte, Presidente della Commissione Antimafia di Regione Lombardia, Alessandro Diano direttivo Associazione Impastato-Castelli, Angelo Garavaglia del Direttivo Nazionale “Agende Rosse”.
“Le mafie e la corruzione – sottolineano gli organizzatori – sono un problema non solo criminale, ma anche sociale e culturale e per combatterle bisogna conoscerle e riconoscerle, essere consapevoli dei rischi che attraversano i territori in cui viviamo. Il loro contrasto si basa su un’azione articolata che ci piace esprimere con le parole di Gian Carlo Caselli: “C’è l’antimafia delle manette, quella sociale e dei diritti e quella della cultura. Devono viaggiare insieme e alla stessa velocità per sconfiggere le mafie.”

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Sesto, spacciatore fermato e denunciato a piede libero

Il Nucleo di Polizia Giudiziaria ha fermato ieri uno spacciatore egiziano, sorpreso mentre cedeva una dose di …

Lascia un commento