Home » Cronaca » Scuola e educazione » Accordo tra Comune e Salesiani. Coinvolti gli allievi del CNOS-FAP a favore delle fasce più deboli
Don Elio Cesari e il Sindaco Di Stefano

Accordo tra Comune e Salesiani. Coinvolti gli allievi del CNOS-FAP a favore delle fasce più deboli

“Ringrazio i Salesiani per il grande contributo umano oltre che formativo che danno al territorio. Penso che lo scambio di valori tra generazioni diverse sia fondamentale e, per questo, mi auguro che anche altre scuole del territorio prendano ad esempio questo progetto”. Così il Sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano sull’accordo tra Comune di Sesto San Giovanni, nello specifico il Settore Socio Educativo, e la Fondazione “Salesiani Lombardia per la formazione ed il lavoro Cnos-Fap” di Sesto San Giovanni.
Accordo ufficializzato lo scorso 11 settembre presso le Opere Sociali Don Bosco (sede del Centro di Formazione Professionale Cnos-Fap “E. Falck”) alla presenza del Sindaco, dell’Assessore alle Politiche Sociali Roberta Pizzochera, del Direttore delle OSDB don Elio Cesari, e del direttore del Cnos-Fap Francesco Cristinelli.
Il progetto avrà durata sperimentale sino all’aprile 2020 e coinvolgerà un centinaio di giovani della formazione professionale (su 500) del terzo e quarto anno, che accompagnati da alcuni tutor del Centro di Formazione Professionale Cnos-Fap “E. Falck” si metteranno a disposizione della cittadinanza, soprattutto delle fasce più deboli, nello sperimentare e mettere a servizio le loro competenze della cittadinanza del territorio.
Nel concreto un team di cinque persone, composto da un tutor, due allievi del settore elettrico e due allievi del settore termoidraulico, si recheranno presso l’abitazione degli utenti segnalati dal Comune, a svolgere piccoli e ordinari interventi manutentivi, elettrici e idraulici, che non comportino azioni sugli impianti.
“Il progetto è il frutto di una collaborazione tra il Centro di Formazione Professionale e il Comune – spiega don Elio Cesari -. Si è trovata una forma di vera collaborazione che mette profondamente in gioco i nostri giovani, che in alcuni momenti verranno accompagnati da alcuni tutor e si metteranno a disposizione delle fasce più deboli, anziani e disabili, nello sperimentare le loro competenze e nel metterle al servizio della cittadinanza di Sesto San Giovanni. Sono contento di questo progetto anche perché lo scorso anno abbiamo vissuto la festa di fine anno scolastico proprio con questo slogan, che era quello che don Bosco indicava per i suoi ragazzi: essere buoni cristiani e onesti cittadini”.
Soddisfatta dell’accordo anche l’assessore Roberta Pizzochera: “La convenzione nasce dalla duplice idea che i giovani adolescenti siano una risorsa e che entrare in contatto con le realtà sociali cittadine può dare ai giovani l’opportunità di crescere come adulti responsabili. Testimonia il grande contributo educativo che i Salesiani apportano al territorio e confido possa essere una sperimentazione a cui aderiranno anche altri istituti scolastici cittadini”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

OSDB, nuovo anno scolastico all’insegna dell’attenzione all’ambiente

Come attestano gli studiosi e come ci testimoniano nella pratica i cambiamenti climatici che riguardano ogni …

Lascia un commento