Associazioni via Giardini, a vuoto la prima asta

Via dei Giardini

“A vuoto la prima asta e ora?”. Se lo domandano attraverso un comunicato le associazioni di Via Dei Giardini interessate dalla messa all’asta delle loro sedi, inserite nel piano alienazioni degli immobili comunali. “Questa mattina (venerdì 19 luglio, ndr) alle ore 10 abbiamo saputo che il bando di gara per la vendita delle sedi di via Dei Giardini è stato anticipato da lunedì 22 a oggi alle ore 11 – si legge nella nota diffusa sulla pagina social di Aned Sesto Monza, una delle associazioni coinvolte nella messa all’asta -. Molte associazioni coinvolte si sono passate le necessarie informazioni e nel giro di 50 minuti circa alcuni soci e cittadini sono riusciti a presenziare all’asta. Il bando è andato a vuoto”.
Nessuna offerta è stata avanzata tranne quelle simboliche di alcune associazioni coinvolte, che hanno spiegato il valore delle loro attività sul territorio e la loro contrarietà ad essere considerati “abusivi irregolari” visto che hanno sempre pagato l’affitto. “Sul posto – si legge nel comunicato delle associazioni – sono state poste delle domande alla commissione di gara: E’ lecito l’anticipo della data? E se sì qual è il motivo? Sono stati avvisati gli offerenti visto che il bando prevede che a parità di offerta si possa rilanciare sul posto? La risposta della commissione è stata che “No, non hanno avvisato gli offerenti” ma è tutto lecito. Motivo: troppe gare. Hanno dovuto anticipare. Naturalmente il nostro legale verificherà tutta la procedura. Ma da oggi cosa succederà? Ora le strade sono molte: un’altra gara, la possibilità di non fare più alcun bando ma una trattativa privata con eventuali acquirenti ma anche una scelta diversa e la conferma di tutti i contratti di affitto in essere. Noi speriamo di essere tempestivamente informati dall’assessore di competenza”.

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Federanziani: 23 milioni di pensionati a rischio povertà

La crisi economica, con l’inflazione alle stelle e l’aumento indiscriminato dei prezzi, rischia di portare …

Lascia un commento