Home » Tempo libero » Sport » In consiglio comunale la nuova proposta del regolamento di concessione impianti sportivi comunali

In consiglio comunale la nuova proposta del regolamento di concessione impianti sportivi comunali

Arriverà questa sera, martedì 11 giugno, in consiglio comunale la nuova proposta da parte dell’Amministrazione comunale del regolamento di concessione degli impianti sportivi comunali e delle palestre inserite in contesti scolastici. Proposta anticipata nei giorni scorsi in commissione consiliare e che ha immediatamente aperto il dibattito tra le società sportive. Apertamente critica l’asd Geas Ginnastica artistica per la quale la nuova proposta andrebbe a “vanificare tutto il lavoro svolto fino ad oggi per garantire alla cittadinanza un impianto attrezzato per la ginnastica artistica con attrezzature a norma e rispondente a tutti i criteri più moderni”.
L’asd Geas ginnastica si riferisce alla Geas Gym Academy, la tensostruttura eretta al Centro sportivo Manin su diritto di superficie in base ad una convenzione con la precedente amministrazione (“dopo un iter durato ben 7 anni – sottolineano dal Geas ginnastica -, a totale carico degli Associati e dei loro Dirigenti).
“Dopo quasi 20 anni di fatiche e disagi per portare avanti l’attività nelle palestre della Città metropolitana e gli enormi sforzi organizzativi ed economici per erigere la tensostruttura – sottolineano dal Geas Ginnastica – la proposta per il “Nuovo regolamento di concessione degli impianti sportivi comunali e delle palestre inserite in edifici scolastici”, rischia di vanificare tutto il lavoro svolto fino ad oggi”.
In particolare il rischio deriverebbe dagli articoli 3 e 4 relativi alla titolarità della assegnazione dai quali si evince come in via prioritaria gli impianti saranno assegnati a “gruppi sportivi (…) che non abbiano la disponibilità di altri spazi di proprietà e/o in gestione e/o in concessione nei quali pratichino regolarmente la propria attività”. Nell’articolo 6 (Criteri lettera c) si specifica invece che le “società che hanno la disponibilità di altri spazi di proprietà (…) potranno comunque presentare domanda di assegnazione di altri spazi che, ogni anno, saranno considerati di nuova assegnazione; le domande verranno accolte solo se i suddetti spazi dovessero rendersi disponibili dopo aver assegnato gli spazi alle associazioni aventi priorità”.
“Diverrebbe quindi a rischio e non programmabile anno con anno tutta l’attività di base sia di ginnastica artistica che ritmica attualmente svolta in palestre scolastiche – chiosano dal Geas – che l’attività amatoriale e promozionale di ginnastica ritmica. In totale quasi 200 ginnaste non potrebbero più accedere ai corsi che svolgiamo a Sesto da ben cinquanta anni”.
Parla invece di allarmismi esagerati il sindaco Roberto Di Stefano, che dalla sua pagina Social, indossando una felpa rossa con il logo del Geas, spiega: “Voglio rassicurare alcuni genitori, in particolare di allievi della Geas Artistica: con l’applicazione del nuovo regolamento per gli impianti sportivi nessuna società verrà penalizzata. Tutti gli spazi richiesti per la scorsa stagione verranno riconfermati. Avremo anche nuovi ingressi di società che con il vecchio regolamento non avevano ancora potuto ottenere la concessione di una palestra.
Quindi si confermano gli spazi dello scorso anno ma allo stesso tempo, finalmente alcune società sestesi che non avevano mai chiesto e ottenuto le palestre comunali, ora potranno ottenere la concessione di uno spazio.
Vogliamo far crescere tutte le società del territorio che avvicinano allo sport tantissimi ragazzi e ragazze. Con equità e dando a tutti la possibilità di continuare a lavorare a Sesto San Giovanni, senza assolutamente penalizzare le società storiche.”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Allianz Geas super Bologna con una prova da record

Nella quinta giornata di campionato l’Allianz Geas supera in casa la Virtus Segafredo Bologna con …

Lascia un commento