Home » Politica » Osservatorio/ Governati da fantasmi?

Osservatorio/ Governati da fantasmi?

Non ricordiamo un governo con più ministri fantasma di quello attuale a trazione giallo-verde. Sovrastati dal protagonismo dei vicepremier Salvini e Di Maio, i ministri del governo Conte, a cominciare dallo stesso premier, sono praticamente usciti dalle scene. O sono nascosti, o non si vedono. Ci viene un dubbio: non si vedono per scelta o perché producono così poco da non guadagnarsi nemmeno mezza riga sulla stampa o un passaggio al Tg? Diamo un premio a chi conosce i nomi di tutti i ministri di questo governo. Alzi la mano chi conosce un provvedimento di rilievo varato, ad esempio, dal titolare del dicastero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Qualcuno sa perchè la Trenta è stata messa alla Difesa? Chi può valutare l’azione di Centinaio? O della Grillo? La cosa più grave è che abbiamo due fantasmi in due ministeri fondamentali come l’economia e gli esteri. Ci arriva una procedura di infrazione da parte della comunità europea e il ministro dell’economia cosa fa? Boh! In Libia c’è una guerra che rischia di annullare tutti gli interessi che il nostro paese ha in quell’area e il ministro degli esteri cosa fa? Mistero. La realtà è che l’attuale governo è fatto di persone che occupano caselle un po’ per caso, messi lì solo in seguito ad un accordo (o contratto) tra i due partiti (una specie di “manuale Cencelli” del nuovo secolo).
Un esecutivo di questo tipo è destinato a traballare ad ogni scossa, a ogni scontro verbale tra Salvini e Di Maio, ad ogni sussulto. Il guaio è che la durata di questo governo è inversamente proporzionale alle prospettive del paese: più resta in carica più danni rischia di produrre. Ai conti pubblici, su cui gravano le pesanti riserve della Corte dei Conti e dei mercati, al nostro ruolo in Europa, istituzione in cui saremo costretti a un ruolo marginale e minoritario, alle relazioni con le potenze estere, avendo noi quasi sempre preso parti diverse rispetto alla maggioranza dei paesi occidentali. Insomma, fermo restando il vuoto di contenuti dell’esecutivo e dei suoi interpreti, resta il dramma di un paese abbandonato a sé stesso. Temiamo che i danni prodotti da questa anomala maggioranza di governo stiano producendo una situazione difficile poi da rimediare.

Ciemme

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Sfida aperta tra i due Matteo

Analizzando bene i fatti è impensabile che da un sia pure rumoroso duello televisivo possa …

Lascia un commento