Home » Tempo libero » Giusi Mosca incontra Bocelli: che emozione

Giusi Mosca incontra Bocelli: che emozione

“La semplicità dei grandi. E’ quella di Andrea Bocelli, stella di prima grandezza della lirica, ma prima di tutto persona semplice”. Reduce da un breve ma intenso soggiorno a Lajatico, in Toscana, commenta così Giusi Mosca, la talent scout e insegnante di canto sestese, il suo incontro ravvicinato con Andrea Bocelli. “Quando si è seduto al piano per accompagnarmi in ‘Reginella’ ho cantato e l’emozione è passata in secondo piano. Ho provato una gioia infinita per me e per Federico, che mi stava accanto, e che tra non molto partirà per una avventura meravigliosa negli Stati Uniti”.

Giusi Mosca con Bocelli

Federico è Federico Serra, giovane e brillante tenore, ex allievo di Giusi, oggi allievo di Bocelli. In estate, insieme agli altri tre giovani virtuosi della lirica del quartetto ‘The Four Italian Thenors’ volerà oltreoceano per un tour di oltre 70 date. Adottato artisticamente dalla famiglia Bocelli, Federico ha mosso i primi passi nella musica proprio con Giusi Mosca. E le è sempre rimasto molto legato, anche quando, dopo gli studi musicali al Liceo musicale di Varese, ha iniziato a calcare i palchi dei teatri lirici più prestigiosi e conosciuto il Maestro Bocelli con cui ha proseguito i suoi studi a Lajatico, sulle dolci colline pisane. “Federico – racconta Mosca, ospite durante il soggiorno toscano della madre del Maestro, Edi – studia musica con Bocelli in Toscana e da tempo mi chiedeva di andarlo a trovare. Finalmente ho deciso di accettare il suo invito e con mio marito siamo partiti per Lajatico. Non può immaginare la mia gioia nel ritrovare il mio ex allievo e lo stupore quando abbiamo incontrato anche il suo Maestro. Bocelli è l’artista che tutti amiamo ma è anche e soprattutto una persona dolcissima e umile. Così quando al ristorante ‘Le officine di Bocelli’ (il locale Food Court sorto a Lajatico negli ambienti un tempo adibiti alle officine meccaniche della famiglia Bocelli, ndr) ci siamo messi a parlare di ‘Reginella’ e della magia della canzone napoletana, conosciuta e amata in tutto il mondo, Bocelli si è seduto al piano e mi ha accompagnato in questo momento che serberò per sempre nel cuore”. Un viaggio breve ma intenso quello vissuto dalla insegnante di canto del ‘Pentagramma’ di Sestoproloco. “È stato bellissimo ritrovare Federico – ricorda – che ho visto crescere artisticamente”.  Giusi ha infatti conosciuto Federico quando all’età di dieci anni prese parte con il brano ‘Vivo per Lei’ ad un concorso canoro. “Sua madre decise di portarlo alla mia scuola di canto, ‘L’accademia dei laghi’ di Arona – spiega Giusi -. E Federico ha dimostrato da subito grande talento. Dopo sei anni, quando ho capito che poteva crescere nella musica lirica, l’ho indirizzato al Liceo Musicale di Varese con specializzazione in canto lirico e pianoforte”. In quegli anni Federico ha approfondito gli studi con maestri del calibro di Vito Maria Brunetti, Gianfranco Cecchele, Federico Longhi e Alfredo Zanazzo. E grazie ai risultati raggiunti ha debuttato nel 2014 al teatro Donizetti di Bergamo. E nel 2015 ha cantato per la prima volta con la Verona Philharmonic interpretando le più celebri aree d’opera.  Ed oggi si prepara a portare la sua splendida voce oltreoceano. Una bella soddisfazione anche per la sua prima insegnante Giusi Mosca.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Viaggio nell’eclettismo sperimentativo di Remo Bianco

Inizio percorso… Siamo accolti da una serie di sculture di varia dimensione, forma e materia: …

Lascia un commento