Home » Cronaca » Trasporti » Area B, Di Stefano: noi contrari sia nel merito che nel metodo

Area B, Di Stefano: noi contrari sia nel merito che nel metodo

“L’entrata in vigore di Area B ci trova contrari sia nel merito che nel metodo”. Il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano entra a gamba tesa sull’entrata in vigore, questa mattina alle 7,30, del nuovo provvedimento del Comune di Milano che vieta l’accesso e la circolazione in quasi tutta la città delle auto più inquinanti (il provvedimento avrà un’introduzione graduale, fino ad arrivare al 2030 quando Milano diventerà diesel free). “Da mesi – aggiunge il Primo cittadino – abbiamo comunicato il nostro parere negativo, in quanto questa misura che ha un impatto anche sull’hinterland non è stata assolutamente concordata con i comuni di prima fascia. E’ l’ennesima scelta ideologica, scaricata sui cittadini e imposta senza una condivisione e un dibattito tra i vari comuni coinvolti. Vengono penalizzati i commercianti e i cittadini che non hanno adeguate risorse economiche per cambiare i veicoli, non essendoci adeguati incentivi. Mancano inoltre miglioramenti del servizio dei mezzi pubblici e adeguate aree di sosta di corrispondenza. Insomma si è introdotta una gabella senza pensare alle conseguenze. La novità di Area B con lo stop dei veicoli al confine di Milano sposterà solamente il problema della congestione ai comuni intorno a Milano. Per l’ennesima volta, come per l’aumento del biglietto Atm, Milano impone aumenti e tasse senza senso. Insomma nessuna concertazione e solo disagi per i cittadini e i comuni dell’hinterland. Per quanto ci riguarda da giugno 2019 istituiremo la ZPRU 01 Marelli dove istituiremo prevalentemente posteggi per i residenti, posteggi a pagamento e posteggi a disco orario. Pochissimi posteggi liberi per contenere il pendolarismo e la congestione su questo ambito territoriale”.
“Se chi ha il compito di governare città metropolitana, lo fa solo a proprio vantaggio, – commenta Antonio Lamiranda, assessore alla mobilità – anche i comuni minori si adeguano e pensano prima a proteggere i propri cittadini. Come al solito Città Metropolitana viene invocata solo quando fa comodo. Stiamo già lavorando per rispondere a questo inutile provvedimento, salvaguardando i sestesi con parcheggi per residenti”.

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Lettera/ TPL, il monopolio non fa crescere

Dal nostro lettore, Giovanni Giudice, riceviamo e pubblichiamo “Come è stato anticipato con la Newsletter …

Lascia un commento