Home » Politica » Riceviamo e pubblichiamo » Sirena della Falck, lettera aperta al sindaco di Sesto

Sirena della Falck, lettera aperta al sindaco di Sesto

“Caro Sindaco, ti abbraccio con paterna dilezione.
Ti confesso di essere molto rammaricato nell’apprendere che l’eroica sirena della Falck è per sempre silenziata.
Forse non tieni cuore nel non considerarla uno storico monumento della nostra città, al pari del cancello della Ercole Marelli di via XXIV Maggio, o della Torre della Magneti Marelli di vialeRimembranze, o della fornace sempre lungo lo stesso viale, senza contare le altre presenze che qualificano l’identità storica della nostra città, da considerarle a mio modesto avviso patrimonio dell’umanità.
Ecco con quell’indomito affetto che nutro nei tuoi confronti ti suggerisco (se tu fossi mio figlio ti obbligherei) di dare degna sistemazione alla sirena, invece che lasciarla arrugginire nelle umide viscere del sottosuolo del palazzo comunale, di accomodarla sul tetto di questo nostro benedetto palazzo comunale e ritornare a farla risuonare per sempre al mezzodì in accordo con i rintocchi della campana che senza di lei si sente orfana, sola, triste, abbandonata  e i suoi rintocchi appaiono mesti e desolati.
Sono certo del tuo orgoglioso volere di fare ancora una cosa buona e giusta, anche perché a far del bene non si mai male (detto tra noi, mi sembra che una volta l’abbia ripetuto anche tuo padre).
Cordialmente e affettuosamente ti abbraccio”.

Gianfranco Galasso

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Mamme sestesi consegnano la ‘Calza della befana’ ai pazienti del Bambin Gesù

“Per l’ottavo anno consecutivo, lo scorso 5 gennaio, alcune mamme sestesi si sono trasformate in …

Lascia un commento