Home » Economia » Piano di rientro, i sindacati dei pensionati contro la manovra

Piano di rientro, i sindacati dei pensionati contro la manovra

Con una nota congiunta i sindacati dei pensionati criticano apertamente la manovra del Comune di Sesto San Giovanni (nella foto il sindaco Di Stefano) approvata dalla maggioranza nei giorni scorsi per ripianare il debito delle casse comunali.
“Il 25 gennaio 2019 la maggioranza del Consiglio Comunale ha votato una manovra che colpisce i cittadini, le famiglie e con maggior accanimento i redditi medio–bassi – si legge nella nota firmata Cgil SPI, Cisl Pensionati e Uilpensionati – Si alza al massimo consentito l’Addizionale Irpef Comunale con un aumento del 33%. Si riduce la soglia di esenzione da 18.000 euro a 15.000 euro con un aggravio importante per le famiglie delle pensionate e dei pensionati e delle lavoratrici e dei lavoratori che fino a ieri non pagavano perché in fascia sociale. Si aumentano le tariffe della mensa colpendo i più poveri con aggravi sino 90%. Nell’incontro che si è tenuto nel 2018 tra i Sindacati unitari dei pensionati e l’Assessore ai Servizi Sociali era stato preso l’impegno che nessun aumento delle tariffe sarebbe avvenuto nel 2019. Così facendo sono stati stracciati gli accordi del 2008 con la Giunta Oldrini che portavano l’esenzione a € 17.500,00 e del 2011 che portavano l’esenzione a 18.000 euro. Nessuna comunicazione è stata data alle Organizzazioni Sindacali – concludono i sindacati -. I Sindacati dei Pensionati ritengono inaccettabile che si continui, con misure nazionali e locali, a far pagare i pensionati e fare regali agli evasori”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Enit, fotografia dell’industria del turismo: Lombardia in testa

Lombardia alla testa dell’industria del turismo in Italia: attira il 13,6% (pari a circa 11,0 …

Lascia un commento