Home » Politica » Farmacie comunali, Giovani Sestesi all’attacco: PD e FI hanno sempre parteggiato per la vendita  

Farmacie comunali, Giovani Sestesi all’attacco: PD e FI hanno sempre parteggiato per la vendita  

“Adesso il PD può finalmente tirare un sospiro di sollievo. Era stato proprio il PD, nella precedente amministrazione, a decidere di svendere le farmacie comunali, ma come al solito il lavoro sporco l’hanno fatto fare ad altri”. Va all’attacco la lista civica Giovani Sestesi. “Ora il sindaco dei selfie Roberto Di Stefano – sostiene Paolo Vino, segretario della lista civica – è riuscito nella manovra tanto grulla quanto dannosa per la città: ha svenduto le farmacie comunali alla solita maxi azienda privata che le trasformerà in supermarket del farmaco, senza anima né scopi sociali. Noi della Lista Civica Giovani Sestesi avevamo proposto con un ordine del giorno il rilancio dell’azienda. Facciamo davvero fatica a comprendere e a capire, riteniamo assurdo che le farmacie Comunali di Sesto San Giovanni siano l’unica azienda pubblica incapace di guadagnare. Assurdo che un’azienda che deteneva il 50% del mercato, e alla quale il consiglio comunale aveva donato gli immobili per ridurre i costi e aumentare il capitale, non sia stata in grado di andare in utile. La verità è che sia il PD che Forza Italia hanno sempre parteggiato per la vendita. Non conosciamo le ragioni di tanto accanimento, e fino a prova contraria crediamo che sia stato fatto tutto correttamente, ma quando un atto è così inspiegabile, viene sempre da pensare male. Le farmacie comunali della vicina Cinisello Balsamo, che pure sono un’azienda pubblica, garantiscono ogni anno utili per 800.000 euro, che finiscono nelle casse comunali. Agli amministratori sestesi devono spiegare ai loro cittadini che rinunciando a una opportunità di fare reddito con le farmacie, per far quadrare i conti d’ora in poi dovranno far crescere sempre di più le tasse, fare più multe e vendere più loculi, spremendo i cittadini. Trovo deludente l’appiattimento di quegli imprenditori seduti in maggioranza che non hanno avuto una visione lungimirante. Per non parlare di quei “politici” che avevano promesso di trasformare l’azienda farmacie in una azienda capace di produrre servizi per la collettività. Si capisce che non era farina del loro sacco. #lebugiedidistefano sono anche questo”.

 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Sfida aperta tra i due Matteo

Analizzando bene i fatti è impensabile che da un sia pure rumoroso duello televisivo possa …

Lascia un commento