Home » Casa » Casa, Articolo Uno chiede un tavolo istituzionale aperto a tutti i soggetti interessati

Casa, Articolo Uno chiede un tavolo istituzionale aperto a tutti i soggetti interessati

“Ancorata alla ricerca di presunti sperperi passati e di presunti mirabolanti risparmi futuri l’Amministrazione della nostra città non riesce a dare risposte concrete alle esigenze della sua cittadinanza”. Così la sezione sestese di Art. Uno Movimento Democratico e Progressista, dopo la seduta di consiglio comunale aperto sul tema casa di lunedì 22 ottobre, richiesto dal Movimento Cinque Stelle. “Sul tema della casa, della domanda di intervento sul terreno dell’emergenza abitativa non è in grado di dare risposte, di offrire spunti di riflessione e di confronto. Al di là della continua propaganda cosa si intende fare, concretamente? Quali azioni si pensa di mettere in moto nei confronti di Aler che lascia letteralmente marcire decine di appartamenti di sua proprietà scaricando sulle amministrazioni locali il problema? Quali azioni si pensa di intraprendere nei confronti di Regione Lombardia, della legge 61, dei criteri di assegnazione? Crediamo sia giunto il momento nel quale la politica debba assumersi le proprie responsabilità e chi ha il compito di amministrare debba mettere in campo azioni concrete per affrontare la drammatica emergenza abitativa che colpisce centinaia di persone nella nostra città e che non si risolve certo con la propaganda e l’attacco al passato senza avere una visione sul presente e una prospettiva per il futuro”. Articolo Uno prosegue quindi con la richiesta di un tavolo istituzionale che veda coinvolti tutti i soggetti interessati: “Si scenda sul terreno concreto della ricerca delle soluzioni possibili – concludono – , si chiuda la politica del mettere i penultimi contro gli ultimi, con trasparenza e coraggio”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Casa albergo, il nuovo accordo prevede progetti per i padri separati

L’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni ha avviato una collaborazione con la Fondazione vvVincent Onlus …

Lascia un commento