“Ho scommesso sulla libertà”, Cardinale Scola: ripartire dalla fede per la nascita di una nuova Europa

Mercoledì 26 settembre presso il salone convegni della Curia Arcivescovile, a Milano, si è tenuta la presentazione dell’autobiografia del cardinale Angelo Scola raccontata in un libro-intervista dal titolo “Ho scommesso sulla libertà”, da poco uscita nelle librerie. L’evento si è svolto in due momenti. Un primo momento caratterizzato da una tavola rotonda con l’obiettivo di individuare temi e passaggi salienti del libro, discuterli e portarli all’attenzione del pubblico.
A questo dibattito moderato da Annamaria Braccini, giornalista di “La Chiesa nella città” su ChiesaTV, hanno partecipato: Luigi Geninazzi, giornalista, scrittore e co-autore del volume; Valentina Soncini, segretaria del Consiglio Pastorale Diocesano; Alberto Sportoletti, membro del Coordinamento diocesano Associazioni Movimenti e Gruppi.
Il secondo momento è stato caratterizzato dall’intervento del card. Angelo Scola e dal saluto dell’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini.
Lucido, consapevole e pieno di speranza è lo sguardo con cui il cardinale Angelo Scola racconta la sua vita, la Chiesa e l’Italia, nella profonda e interessante conversazione con Luigi Geninazzi. Dalla riscoperta della scelta cristiana nell’adolescenza alla militanza in Comunione e Liberazione in fecondo dialogo con il «genio educativo» di don Giussani. Dalle incomprensioni con qualche autorità ecclesiastica milanese all’amicizia con Giovanni Paolo II che lo nomina vescovo a soli quarantanove anni.
Non mancano ricordi personali e collettivi. Dal travaglio della lunga malattia e dall’esperienza della psicoanalisi al passaggio tra il papato di Ratzinger, a cui fin dall’avventura della rivista internazionale «Communio» lo lega una intensa amicizia intellettuale, a quello di Bergoglio, definito «un salutare colpo allo stomaco per le Chiese d’Europa».
Al centro di questo ricco affresco di aneddoti e riflessioni ci si pone una domanda: a che punto è la Chiesa di oggi? Tra chi riduce il cristianesimo a semplice religione civile e chi propone un puro ritorno al Vangelo, il cardinale indica una «terza via» che è quella delle implicazioni dei misteri della fede e dell’impegno dei credenti per contribuire, ripartendo appunto dalla fede, alla «nascita di una nuova Europa, inevitabilmente meticcia ma non per questo senza più identità».

Ciemme

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Milano, Settis presenta il nuovo libro ‘Raffaello tra gli sterpi’

Il fascino ardimentoso che le rovine dell’antica Urbe suscitano ancora su di noi, dopo secoli …

Lascia un commento