Verso il Pgt, incontri in quartiere: la parola ai protagonisti

Antonio Lamiranda, assessore all’Urbanistica. “Uno degli obiettivi che ci è stato dato dal sindaco e che è nella delibera che ha avviato la revisione del Piano di governo del territorio, è la salvaguardia del commercio di vicinato. Ovvero la sopravvivenza della vivibilità del quartiere. Con l’iniziativa di questa sera viaggiamo in questa direzione”.

Maurizio Torresani, assessore al Commercio e al Marketing territoriale. “È un metodo nuovo, mutuato alle grandi aziende, e con questi cicli di incontri sotto forma di tavoli di lavoro proviamo a spostarlo alla cittadinanza. Una cosa bellissima che ho notato questa sera è che, in una riunione come questa, avrebbero preso la parola solo quattro o cinque persone, stasera invece tutte le persone che partecipano ai tavoli contribuiscono al dibattito. E quindi raccoglieremo tante idee”.

Alessandra Aiosa (Identità civica), Presidente del Tavolo del Commercio. “Vedere cittadini e commercianti che, coinvolti ed attivi in gruppi di lavoro, si confrontano per poi proporre azioni concrete sul territorio, osservare gli Assessori mentre li ascoltano e sentirli farsi personalmente portatori di progetti di rilancio addirittura concepiti ed ideati da Identità Civica – come il Credito Di Mobilità – sono il primo segno tangibile che una politica diversa fatta di vere intese ed ascolto reciproco a tutti i livelli è ancora possibile”.

Gabriele Ghezzi (Identià civica), Presidente della 2a Commissione consiliare urbanistica, ambiente, trasporti e viabilità. “Questo dei tavoli di lavoro tra cittadini e commercianti è un metodo che rende tutti partecipi, che consente di ascoltare e recepire, anche se poi è chiaro che non si potrà rispondere a tutte le domande perché incompatibili con un progetto allargato. Questo tuttavia è il lavoro che vogliamo portare avanti: un lavoro fatto di presenza, collaborazione e ascolto”.

Gianmaria Vincelli (Sesto nel Cuore), Presidente della 1a Commissione consiliare Affari Generali e Istituzionali, Pianificazione, Contabilità Economica. “Il metodo che stiamo utilizzando questa sera è innovativo ma in realtà stiamo facendo ciò che si faceva 25 anni fa nei quartieri. L’idea è di creare un filo diretto dal quartiere all’organo istituzionale per indagare sulle esigenze dei cittadini. Ed è quello che intendiamo fare per rendere attrattivo e vivibile il quartiere. I quartieri non sono morti, siamo noi consiglieri e assessori ad andare dai cittadini”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio. Le opposizioni si diano una regolata

Se davvero quello della leader di Fratelli d’Italia è il governo più a destra della …

Lascia un commento