Home » Cronaca » Scuola e educazione » Chiusura di due centri estivi, Articolo1: nessun confronto con la cittadinanza

Chiusura di due centri estivi, Articolo1: nessun confronto con la cittadinanza

Con una comunicazione sul portale del cittadino l’amministrazione comunale annuncia che si sono concluse le iscrizioni ai centri estivi e che le richieste d’iscrizione di prima e seconda scelta sono state accolte. E si elencano i centri aperti: Martiri e Galli per la scuola primaria e Tonale (aperto fino al 3 agosto compreso) e Corridoni per la scuola dell’infanzia. “Se avevate scelto il Centro Marzabotto o Marx – si legge sempre nella home page del sito sestosg.net – sarete contattati telefonicamente per l’eventuale trasferimento dell’iscrizione in uno dei centri dell’infanzia o primaria aperti”.
Immediata la reazione dell’opposizione: “Il Sindaco Di Stefano, l’Assessora al Bilancio Nicoletta Pini e quella ai servizi sociali Roberta Pizzochera assieme a tutta l’amministrazione mentre annunciano trionfalmente di aver accolto tutte le iscrizioni dei bambini ai Centri Estivi fanno sapere che quest’anno non ci saranno più i due centri di via Carlo Marx e di via Marzabotto confermando la politica dei tagli ai servizi che da subito ha caratterizzato la Giunta a trazione leghista – attacca Mdp Articolo Uno -. Come niente fosse con un semplice colpo di spugna si priva una parte della città di un servizio e si priva la parte più periferica, più lontana dai Centri superstiti. E’ evidente la volontà politica di effettuare tagli e di diminuire i servizi per la cittadinanza ed è assolutamente odioso che si colpisca quella zona della città, quella stessa zona che in campagna elettorale Di Stefano prometteva di avere a cuore con le sue battaglie per gli attraversamenti pedonali in viale Edison, con il suo presenzialismo tra quei condomini. Ancora una volta nessun confronto con la cittadinanza che come sempre a pochi giorni dalla partenza del servizio scopre che questo oltre ad essere più caro, è stato pesantemente mutilato. Sappiamo già che se incalzati su queste chiusure le risposte che forniranno si richiameranno alla situazione finanziaria del Comune, al “buco”, ma sappiamo bene che il vero baratro è tutto nella loro pervicace volontà di smantellare pezzo dopo pezzo i servizi che da sempre la Città è riuscita ad offrire”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Nidi, assessore Pizzochera: confermata attenzione verso i servizi per l’infanzia

Lunedì 12 novembre l’assessore all’Educazione Roberta Pizzochera, la dirigente e il funzionario dei servizi educativi …

Lascia un commento