Home » Politica » Due destini contrapposti: l’Unità all’asta, l’Avanti online

Due destini contrapposti: l’Unità all’asta, l’Avanti online

I due giornali storici della sinistra, oggi non più in edicola, si trovano a vivere in questi giorni due destini diversi: l’Unità è stata messa all’asta, mentre per quanto riguarda l’Avanti! è stata completata l’opera di digitalizzazione e quasi un secolo di vecchie copie saranno consultabili online. Una novità questa che sarà presentata il 10 maggio alla Biblioteca del Senato e in quella occasione, dopo 25 anni di diaspora, si ritroveranno quasi tutti i dirigenti del vecchio Psi.
Entrambi i giornali non sono più in edicola ma il destino più amaro sta colpendo l’Unità, il quotidiano fondato nel 1924 da Antonio Gramsci e chiuso dopo la sfortunata gestione nell’era Renzi. Il Tribunale di Roma ha avviato le procedure di messa all’asta della testata per garantire i crediti dei lavoratori, rimasti senza lavoro dopo la brusca chiusura del giornale nel giugno del 2017.
L’intera collezione dell’Avanti! (dal 1896 al 1993) d’ora in poi sarà invece consultabile online e l’iniziativa sarà presentata da Rino Formica, Claudio Martelli, Ugo Intini, nel corso di una manifestazione organizzata da Stefano Carluccio e alla quale parteciperanno anche altri dirigenti di punta del Psi della stagione craxiana: Carlo Tognoli, Gennaro Acquaviva, Giorgio Benvenuto, Luigi Covatta, Mauro Del Bue, Ugo Finetti, Giuseppe La Ganga, Paolo Pillitteri.
Come ha scritto Ugo Intini nel suo libro “Avanti!, un giornale, un’epoca”, il quotidiano socialista «è stato il primo giornale nazionale ed è stato il più diffuso quotidiano del Nord dopo la Liberazione del 1945», per la sua diffusione «i militanti hanno rischiato o perso la libertà e la vita». Ha contribuito, esattamente come l’Unità, alla acculturazione di centinaia di migliaia di militanti, a una passione politica che per decenni si è identificata con i due giornali. E l’Avanti!, oltre ad essere stato testimone di storia, l’ha anche fatta. Come dimostrano i nomi dei suoi direttori e di tanti suoi collaboratori. Tra questi ultimi possiamo citare Edmondo De Amicis, Ignazio Silone, Mauro Soldati, Paolo Grassi, Gaetano Salvemini, Norberto Bobbio.

Ciemme

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Incontro sul PGT a Cascina Gatti, l’associazione Sottocorno non partecipa

Questa sera si terrà il nuovo incontro organizzato dall’Amministrazione comunale in previsione del Pgt a …

Lascia un commento