Home » Cronaca » Nidi, sciopero dei lavoratori dei servizi educativi e sabato manifestazione in piazza

Nidi, sciopero dei lavoratori dei servizi educativi e sabato manifestazione in piazza

Non si placa in città il dibattito sulla riorganizzazione dei servizi educativi della giunta Di Stefano (vai all’articolo). La manifestazione dei Comitati Genitori prevista per sabato 17 marzo, sarà preceduta venerdì 16 dallo sciopero delle lavoratrici dei servizi educativi indetto dall’Unione Sindacale di Base.
“Gli USB ribadiscono il proprio sostegno alla lotta delle educatrici dei servizi educativi del Comune di Sesto San Giovanni – si legge nella nota dei delegati USB Alessandra Barbanti, Marzia Barducci e Gerardo Guerra -, del Comitato genitori nidi sesto e del Forum comitato genitori delle scuole sestesi in difesa di tutti i servizi educativi pubblici, contro lo smantellamento degli stessi e a difesa dei diritti delle bambine e dei bambini, delle lavoratrici e di tutta la cittadinanza. USB indice pertanto lo sciopero delle lavoratrici dei servizi educativi di venerdi 16 marzo e aderisce alla manifestazione organizzata dai comitati di sabato 17 marzo alle ore 10,30”.
Proprio in queste ore i Comitati genitori nidi Sesto annunciano che nonostante il passo indietro della giunta sull’aumento delle tariffe dei CRE, la protesta non si fermerà. “Continuate a sostenere la manifestazione”, scrivono sulla pagina facebook. “
Magicamente pochi minuti fa è arrivato il comunicato della giunta che incredibilmente si rivende un ipotetico abbassamento delle tariffe settimanali dei Centri Estivi che passerebbero da 122€ a 96€. Peccato che le tariffe prima del loro “ritocchino” fossero di 71 € ed includessero gite e piscina, a differente di quelle di quest’anno. Altrettanto magicamente, dopo aver impedito a centinaia di genitori di partecipare alla Terza commissione consigliare, la giunta trova i fondi per questa manovra. Nessuna parola invece sulla riduzione del numero dei posti ai CRE della primaria (da 260 totali a 180 per le prime 5 settimane e da poi da 260 a 220) e per l’infanzia – che vede tagliati 30 posti. Questa prima retromarcia è una vittoria di chi si è mobilitato in queste settimane. Continueremo a mobilitarci a partire dalla manifestazione di sabato 17 alle ore 10.30 in piazza del comune”. Manifestazione a cui hanno già dato adesione e sostegno le sezioni sestesi di Liberi e Uguali e Potere al Popolo!, il PD e Gruppo consiliare del Pd, l’Unione Inquilini Comitato per il diritto alla Casa di Sesto.  

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Interventi di dilizia scolastica, Città Metropolitana partecipa al bando regionale

Oltre 85 milioni di euro da utilizzare per la realizzazione di 37 progetti di edilizia …

Lascia un commento