Home » Tempo libero » La sestese Monica Giudice protagonista nel docufilm dedicato a Woody Allen
La cantante e attrice sestese Monica Giudice

La sestese Monica Giudice protagonista nel docufilm dedicato a Woody Allen

Giovedì 15 marzo, alle 20.30, allo “Spazio Lambrate” di Milano (viale delle Rimembranze 16) sarà proiettato un interessante documentario dedicato a Woody Allen, composto di varie scene tratte dai suoi celebri film: da Crimini e misfatti a Match Point; da Sogni e Delitti a Irrational Man. Le scene, interpretate dalla sestese Monica Giudice con un talentuoso gruppo di attori, sono state riprese e montate a Milano da Leonardo Rinella e magistralmente dirette Mino Francesco Manni, diplomato alla Bottega teatrale di Vittorio Gassman e laureato in Lettere con indirizzo “Storia del teatro e dello spettacolo”.
Manni ha lavorato con grandi registi e attori del teatro, del cinema e della televisione tra cui Massimo Castri, Giancarlo Cobelli, Kim Rossi Stuart, Gabriele Ferzetti, Michele Placido, Paola Pitagora, Dario Argento, Max Von Sydow, Raimondo Vianello e molti altri.
La serata, organizzata dal Centro Teatro Attivo, sarà aperta da Mino Francesco Manni con la lezione evento “La verità in Doestoevskij e Woody Allen”. La presentazione propone un parallelo tra i romanzi di Dostoevskij e le sceneggiature e i film del regista di Manhattan. In particolare, Mino Manni si soffermerà sul tema di ricerca della verità nella recitazione degli attori, fondamentale per interpretare il realismo e l’umanità dei personaggi che Dostoevskij racconta divinamente attraverso la letteratura. Ne viene fuori un’analisi delle mille contraddizioni dei personaggi creati da entrambi i maestri, Allen e Dostoevskij.
Informazioni e prenotazioni: Tel. 02 2666450 / 02 2663973 mail: info@centroteatroattivo.it

S.N.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Premio Bancarella, presentazione dei sei finalisti a Sesto San Giovanni

Marco Consentino, Luigi Panella e Domenico Dodaro, Guido Marangoni, Jessica Fellowes, Dario Correnti, Dolores Redondo e Paolo Rumiz: questi …

Lascia un commento