Home » Politica » Elezioni politiche, il Governo che non c’è …

Elezioni politiche, il Governo che non c’è …

«Una vittoria straordinaria che ci carica di responsabilità». Così Salvini, candidato premier del Carroccio. «È un dato storico ed è stata un’emozione indescrivibile», queste le parole del leader pentastellato Di Maio nel commentare l’affermazione del Movimento 5 Stelle a primo partito in Italia con oltre il 30% delle preferenze degli elettori (storica l’avanzata dei Grillini al Sud). Per poi aggiungere: «Il risultato ci proietta inevitabilmente verso il governo del Paese. Aperti al confronto con tutti».
Sono ‘confronto’ e ‘alleanza’ le parole ricorrenti nelle maratone tv e sui giornali all’indomani del voto per le politiche 2018, perché i risultati delle urne dicono che nessuna forza politica ha raggiunto la quota 40% vale a dire la maggioranza assoluta. E questo in nessuna delle due Camere.
Percentuali alla Camera.
37% coalizione di centrodestra (FI, Lega, FdI e NCI)
32,68% Movimento Cinque Stelle
22,85% centrosinistra (PD, +Europa, Italia Europa insieme, Civica Popolare Lorenzin, SVP – PATT)
3,39% Liberi e Uguali.
Percentuali al Senato.
37,49% centrodestra
32,22% M5S
22,99% centrosinistra
3,28 % Liberi e Uguali 

Ora cosa succederà? L’elezione dei presidenti di Camera e Senato sarà il passaggio decisivo; prenderà il via solo dal 23 marzo e solo al termine di questo passaggio, il Capo dello Stato Mattarella darà il via alle consultazioni con le forze politiche e affiderà il mandato di cercare una maggioranza in grado di sostenere un nuovo governo.
Affluenza. Per il Viminale alle ore 23 di domenica 4 marzo alla Camera dei deputati ha votato il 72,93%, al Senato 72,99%, alle Regionali 70,57%
Così a Sesto. A Sesto San Giovanni il risultato del voto di domenica ricalca quello delle Amministrative di giugno che hanno visto l’affermazione del centrodestra. Alla Camera nel collegio di Sesto San Giovanni svetta il nome di Guido Della Frera (FI) con il 37,63%; Sara Valmaggi (PD) si ferma al 30% e il grillino Stefano Buffagni al 24%. Ha votato il 73,98% degli aventi diritto (Camera) e il 74,17% (Senato).

Ultimo aggiornamento alle ore 10.26 del 6 marzo 2018

 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Regione Lombardia, Borghetti (PD) sul rimpasto: Fontana che resta a fare?

“Fontana sempre più isolato, sfiduciato e stanco, e ora politicamente totalmente commissariato: che resta a …

Lascia un commento