Noi con Sesto-Muoversi domani nella città: le persone al centro. Sala Talamucci gremita per l’incontro di Noi con L’Italia

Educazione, scuola, famiglia, imprese, lavoro. Sono solo alcuni dei tasselli del programma e delle tematiche al centro dell’incontro pubblico “Noi con Sesto San Giovanni – Muoversi domani nella città. Le persone al centro” organizzato da Noi con l’Italia-UDC sabato 24 febbraio a Sesto San Giovanni. E numerosi i cittadini sestesi che hanno preso parte all’incontro e al dibattito in Villa Visconti d’Aragona moderato dal coordinatore del Comitato elettorale per Sesto Gianmaria Vincelli, consigliere comunale e promotore e firmatario del Manifesto AFI (Associazione Famiglie Italiane).
Presenti in Sala Talamucci i candidati di Noi con l’Italia UDC Maurizio Lupi (candidato alla Camera), l’on. Vincenzo Garofalo (candidato alla Camera), Alessandro Colucci (candidato alla Camera), Mariarosaria Saulino (candidata alla Camera), ingegnere alla sua prima esperienza politica.
“Il tema è ampio e apre vari scenari – ha esordito Gianmaria Vincelli, introducendo il tavolo dei relatori – ma vorrei prima di tutto accennarvi al tema che racchiude le speranze e le aspettative di un futuro delle persone ma anche quelle di un popolo, quello italiano, che si proietta in Europa ma che riflette sulle proprie radici e sulle proprie origini, su valori trascurati come quello del reciproco rispetto della solidarietà, della libertà di pensiero di appartenenza e di volontà, il poter scegliere il lavoro, la scuola, lo sport, la religione, le attività culturali senza essere discriminato o suddito dello Stato, la libertà di impresa senza sottostare a una esorbitante burocrazia che insieme alle elevate tasse soffoca ogni ambizione imprenditoriale”.
La serata è stata anche l’occasione per illustrare al nutrito pubblico i punti cardine del programma di Noi con l’Italia-UDC, raggruppamento di cui è coordinatore nazionale l’ex ministro Maurizio Lupi, che rispecchia le ideologie di un centrodestra moderato riguardanti la sicurezza (soprattutto negli ambienti lavorativi), il sostegno alla famiglia, la tutela dell’ambiente e la maggiore efficienza nella produzione energetica.
Temi su cui si è soffermato nel suo intervento Maurizio Lupi. “Le nostre proposte politiche all’interno della coalizione di centrodestra riguardano un’Italia moderata, normale, che vuole recuperare la forza di identità di un popolo investendo sul nostro futuro. Investendo sulla persona”. Lupi ha quindi ribadito i punti salienti del programma: scuola, famiglia, lavoro, imprese. “Dobbiamo riportare la scuola ad essere al centro insieme al merito, quello vero, tutelando la libera scelta di una libera istruzione senza che l’autonomia dia soldi a pioggia – ha sottolineato -. In secondo luogo vogliamo che la famiglia torni ad essere l’architrave della società e dobbiamo aiutarla con i fatti. Quindi sì al ministero della Famiglia, al fattore famiglia e a un testo unico in materia. E poi, non smetterò mai di ripeterlo: il lavoro lo danno le imprese. Chi è disoccupato non vuole assistenza ma la dignità di essere protagonista della propria vita, senza essere dipendente da un aiuto di Stato. Concretamente, se avremo 17 miliardi a disposizione, non li useremo per il ”reddito di cittadinanza” ma per creare lavoro e abbassare il cuneo fiscale, diminuendo così il costo del lavoro per le imprese e aumentando conseguentemente il reddito dei lavoratori”.
Punti fondamentali ribaditi anche da Alessandro Colucci: “Il nostro programma – ha ricordato il coordinatore regionale di Noi con l’Italia – pone come tasselli fondamentali quello dell’Educazione e della scuola, quello della famiglia  come pilastro della società e quello dell’aiuto alle imprese, le uniche in grado di dare lavoro e di far ripartire il Paese.
Niente slogan ma risposte ai bisogni della gente, senza false promesse.”
Infine un rimando all’imminente appuntamento elettorale di domenica 4 marzo. “Oggi tutti riconoscono che il distacco tra i partiti e pubblica opinione va sempre più aumentando così come l’astensionismo e il voto di protesta – ha concluso Vincelli -. Le forze politiche devono fare un passo in più: non si limitino alla denuncia e alla critica ma dimostrino in concreto di saper mutare il proprio modo di essere e fare. E’ quello che Noi con l’Italia, insieme a voi, cercheremo di fare, qui stasera, e in futuro. Dare risposte concrete”.
Dopo Sesto San Giovanni è la volta di Cinisello, dove questa sera a Villa Ghirlanda Silva i candidati di Noi con l’Italia incontreranno i cittadini in un nuovo incontro dal titolo “Le persone al centro della politica: Quali proposte?” moderato da Riccardo Visentin, consigliere comunale di Cinisello. Appuntamento alle 21 in via Giovanni Frova 10 a Cinisello Balsamo.

 






















Messaggio elettorale 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Regionali: Confcommercio Lombardia incontra i candidati presidente

In vista delle elezioni regionali del 12 e 13 febbraio, venerdì 20 gennaio il presidente …

Lascia un commento