Home » Politica » Caponi, presidente all’unanimità di Sesto nel Cuore, ribadisce valori e programmi
Gianpaolo Caponi (Sesto nel Cuore)

Caponi, presidente all’unanimità di Sesto nel Cuore, ribadisce valori e programmi

E’ Gianpaolo Caponi il presidente dell’associazione culturale Sesto nel Cuore. A nominarlo all’unanimità sono stati gli iscritti presenti all’assemblea generale del 7 febbraio con all’ordine del giorno l’approvazione del nuovo direttivo e delle nuove cariche sociali. Il neo eletto presidente dell’associazione, attuale vicesindaco e assessore con delega alla Città della Salute nella giunta Di Stefano, ha portato ai voti un documento politico programmatico con i quali ribadisce i valori e i programmi di SNC. E che potrebbe sembrare anche una risposta tra le righe alle recenti polemiche che hanno investito la maggioranza di centrodestra nelle ultime settimane.
“Il documento – si legge nella nota diffusa dal neo presidente Caponi -, seguito da una discussione, anch’esso votato all’unanimità mira a rafforzare l’azione di governo della città e la sua compagine civica, ponendo un accento sui valori e i programmi di Sesto Nel Cuore. Durante i lavori di preparazione di questa assemblea il dibattito dei documenti ha fatto emergere interpretazioni anche di stampa di accenti critici di qualcuno sull’attività del consiglio e della giunta. Non c’è nessun motivo per mettere in discussione il lavoro della giunta, ne quello degli assessori e dei consiglieri di maggioranza. Ci si auspica che la dialettica interna al nostro movimento , presente e futura, non sia appiattita su “scontri di carattere personali”, permettendo a tutti un’attività proficua di crescita collettiva”. Nella nota si ribadisce inoltre come i lavori dell’assemblea siano da considerare esclusivamente alla stregua di un dibattito sui temi che caratterizzano il contesto di azione di Sesto nel Cuore. “L’attività della lista civica si connota da sempre per l’impegno concreto nella costruzione dei processi di cambiamento della città, portando questa caratterizzazione anche nel contesto istituzionale – aggiunge Caponi -. Il ruolo di un soggetto politico forte in queste dinamiche risulta di fondamentale importanza per l’analisi di processi economici e sociali e per capirne le evoluzioni e involuzioni. L’attenzione alle tematiche del terzo settore deve continuare a mantenere il suo ruolo centrale nell’attività politica quotidiana dell’associazione. La commissione ha proposto la costituzione di un direttivo ad ampia partecipazione per mantenere l’apertura che connota sostanzialmente l’attività dell’associazione e tenere conto dell’aumento delle iscrizioni nell’ultimo biennio. La lista civica SNC tiene alla propria autonomia politica, ma è consapevole della responsabilità che si è assunta andando alla guida del governo in apparentamento con altre forze politiche, responsabilità alla quale non vuol venire meno. Tutti i nostri candidati hanno sottoscritto la “carta dei valori”, in piena libertà e consapevolezza e su questa saremo intransigenti con chiunque ci rappresenta e rappresenterà nelle istituzioni. La questione morale e la legalità sono i punti da cui si è partiti per segnare una discontinuità con chi ci ha preceduto; da qui nasce il nostro richiamo al senso di responsabilità per chiunque venga meno a questi principi sopratutto di trasparenza. Se dovessero intervenire fatti nuovi questi ci obbligheranno ad assumere decisioni in tempi brevi e non più rinviabili nel ridefinire le proposte dell’azione di governo. Partiamo dalla consapevolezza che senza legalità e trasparenza non può esserci né crescita né sviluppo, essendo questo un binomio inscindibile. Non possiamo ridimensionare la portata dei nostri valori e dei nostri obiettivi, chiedo mandato all’assemblea di continuare nell’azione di governo, dialogando con le altre forze politiche. Ci impegneremo a far sentire forte le istanze civiche in giunta e in consiglio, costruendo le future convergenze senza mai venir meno a cardini imprescindibili come quelli dei nostri valori e dei nostri programmi”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Aree ex Falck, interrogazione del consigliere PD Monica Chittò

Il consigliere comunale PD Monica Chittò ha depositato in Comune una interrogazione con la quale …

Lascia un commento