Home » Casa » Case popolari, i sindacati chiedono il confronto con il Comune

Case popolari, i sindacati chiedono il confronto con il Comune

E’ stata definita un vero e proprio “disastro” dai vari sindacati la sperimentazione del nuovo sistema di assegnazione delle case popolari con la nuova legge n. 16 del 2016 decisa dalla Regione Lombardia e che prevede una selezione per via telematica delle domande inserite nelle varie graduatorie dai richiedenti alloggio.
Un sistema altamente discriminatorio, che comporta una forte scrematura per cittadinanza, nazionalità e reddito, senza contare che non tutti i Comuni erano preparati per produrre la certificazione a coloro che avevano già in carico con ISEE inferiore a 3.000 euro.
I tempi per la presentazione delle domande sarebbero troppo stretti (39 giorni), ancora di più per i reclami (solamente una settimana di tempo). Intanto a oggi si contano circa 60.000 nuclei famigliari in Lombardia ancora in attesa di una sistemazione.
Nello specifico, il sistema informatico ha scartato ben il 50% delle domande trattate dai Comuni (Monza, Brugherio, Villasanta, Sesto, Cologno, Cinisello, Bresso, Cormano e Cusano Milanino) e dalle aree Aler interessate su un totale di 1.400. Nel caso di Sesto San Giovanni (comune capofila della sperimentazione) e Cologno, le domande prese in considerazione sono 267 su un totale di 41 alloggi da assegnare, e non 50 come da bando. Una legge che presenta poca chiarezza, soprattutto nel controllo delle graduatorie, e che dunque va cambiata secondo le associazioni sindacali, che chiedono esplicitamente un confronto con l’amministrazione comunale al più presto, possibilmente prima di giugno, quando la sperimentazione potrebbe essere estesa a tutta la regione.
“Da diverso tempo stiamo chiedendo di essere ascoltati ma non abbiamo ancora ricevuto risposta – spiega il coordinatore della Cigl Milano, Claudio Carotti, presente questa mattina alla conferenza stampa organizzata presso la sede dell’Unione Inquilini di via Marx 495 -. Solo Cinisello ci ha mostrato interesse al dialogo. Si vogliono negare le difficoltà di questa legge e mettere la polvere sotto al tappeto, anziché affrontare il problema reale. Ci sono tante famiglie bisognose che in questo modo non avranno mai una casa. I politici dovrebbero prestare maggiore attenzione, si deve privilegiare il confronto con le parti sociali”.
“Non ascoltare i sindacati è una scelta sbagliata e cinica – aggiunge il segretario della Sunia Francesco De Gregorio -. Questa legge penalizza chi è più povero e chi ha problemi di formazione. Il Lombardia ci sono tanti sfrattati che hanno un forte bisogno di casa e tutto questo non va ignorato. Va rilanciata l’edilizia residenziale pubblica. Chiediamo che questa assegnazione venga vista con altri occhi”.
Sempre secondo i sindacati, sarebbero circa 15.000 gli alloggi sfitti in tutta la Lombardia e solo una piccola parte viene assegnata a chi realmente ne ha bisogno.

Fabio Casati

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Esplosione via Villoresi, consegnata relazione indagini in Procura

Si sono concluse nei giorni scorsi le indagini sulle cause dell’esplosione al quinto piano della …

Lascia un commento